Scie chimiche


il problema delle scie chimiche, è un fenomeno comparso circa una decina di anni fa.
Chi cerca  informazione perchè stanco di un sistema mediatico di ”non-informazione” una “casta” paragonabile a quella politica.è perchè  sta accadendo qualcosa che non dovrebbe accadere nei nostri cieli; una minoranza di persone se ne è accorta, mentre la maggioranza o è inconsapevole, o è disinteressata, o peggio, sta cominciando a pensare che quello che vede c’è sempre stato

Cosa sono le scie chimiche?

Sono scie di polveri di: Bario,Alluminio, Polimeri (filamenti di silicio) scaricate a migliaia di tonnellate in tutti i cieli del mondo da aeroplani appositamente attrezzati.I governi, interpellati sull’argomento dai cittadini, hanno:

-in genere  ignorato le damande (Italia, Francia )

-quando hanno risposto,  fornite risposte vaghe, quali: Fanno parte di studi per contrastare l’effetto serra (USA)

-fanno parte di studi per contrastare il terrorismo (Germania)

Ovviamente queste polveri immesse nell’aria sono molto dannose per la salute.Tutte producono problemi all’apparato respiratorio,nelle scie ci sono polimeri ,filamenti di silicio, e respirare il silicio provvoca la silicosi.Le polveri di alluminio: Nel breve periodo, hanno effetti negativi sulla memoria e sulla capacità di concentrazionenel ,e nel lungo periodo, producono sintomi simili a quelli dell’alzheimer. Le polveri di bario producono: stati di spossatezza ( in quanto fanno contrarre i muscoli ).inibizione del sistema immunitario, ossia fanno aumentare le probabilità di ammalarsi

Cosa sappiamo che non può essere frutto di fantasiose invenzioni e che andrebbe perciò indagato? Sappiamo che ci sono aerei che transitano a quote relativamente basse, poco sopra i 3000 metri, e che si lasciano dietro lunghissime scie bianche, che spesso vanno da orizzonte ad orizzonte e persistono nel cielo  per molte ore. Negli anni passati,il fenomeno era  provocato dalle “scie di condensazione”, basta consultare un manuale di volo o di meteorologia (le fonti sono numerose) per apprendere che le scie di condensazione si formano in condizioni atmosferiche e di quota ben definite: 8000 metri o più, se la temperatura dell’aria è al di sotto dei 40 gradi, e se l’umidità relativa non è inferiore al 70%.

Esiste uno studio molto dettagliato e tecnico consultabile di un’ingegnere aeronautico (Luigi Fenu) che spiega perchè, in assenza di queste condizioni, non è possibile la formazione delle scie perchè non è affatto frequente che le condizioni di temperatura e umidità adatte combacino nei valori ideali. Lo studio è accompagnato da tutte le formule matematiche necessarie a comprovare quanto affermato e di conseguenza non può essere ignorato

Gli aerei osservabili in passato che lasciavano dietro di sé la classica scia bianca, hanno sempre volato alle altitudini previste per provocare il fenomeno di condensa che a tali altitudini appare come un puntino. Le scie inoltre, non hanno mai attraversato tutta la volta del cielo. ma normalmente si esauriscono alle spalle dell’aereo con lunghezze ma mai lunghe decine o centinaia di chilometri. Anche nei casi in cui si osservavano scie persistere per alcuni minuti, alla loro scomparsa non rimaneva alcun residuo

Non si sono mai visti inoltre prima aerei che possono essere perfettamente visibili ad occhio nudo e che di conseguenza non superano di molto altitudini di 3000 metri “un cittadino è riuscito ad illuminarli con un laser della portata massima di 4000 metri” che rilasciano nel cielo scie che si espandono rapidamente fino a formare delle vere e proprie autostrade

Inoltre, questi voli, non riguardano, esclusivamente il normale traffico aereo. Generalmente, sulle città il volume del traffico civile è quasi identico tutti i giorni. Un controllore riconosce ad occhio le rotte e spesso anche gli orari in cui transitano certi voli. Ma è sufficente trovarsi un buon punto di osservazione per rendersi conto dell’esistenza di voli al di fuori del traffico consueto,

Questa attività, quando prende il via, è talmente frenetica e numerosa da far comparire più aerei che si incrociano contemporaneamente o che procedono in formazione e crea una cortina o una patina dall’aspetto lattiginoso che copre il cielo. Sono frequenti i cambi di rotta, i voli paralleli, l’osservazione di più aerei contemporaneamente con scia o senza scia, spesso quelli senza scia sono più alti degli altri.

La comparsa dellle scie chimiche, si è estesa coinvolgendo sempre più paesi si vedono sempre più spesso nei film, nei giornali, in tv, nella pubblicità, nei video musicali etc. se all’inizio si poteva supporre che nei film ci capitassero per caso, adesso la situazione sta assumendo proporzioni che non lasciano più molti dubbi. Vengono ad esempio disegnate e sistemate volutamente nei cartoni animati, utilizzate per le pubblicità, inserite strategicamente in molti videoclip.

Sappiamo che la pubblicità occulta o subliminale è vietata ma viene comunque praticata di continuo,  cosa succede ad una persona che inconsciamente vede scie in ogni trasmissione, film, immagine pubblicitaria o altro quando gli si chiede se non trova che nel cielo stia accadendo qualcosa di strano? Vi aspettate che dopo un simile martellamento possa arrivare una risposta diversa? Probabilmente la prova più lampante della natura artificiale di queste scie sta proprio nella poderosa e mirata campagna di sensibilizzazione attualmente in atto

E cosa dire poi delle fotografie satellitari? Qualcuno ha cominciato a chiedersi per quale motivo non vengono più mostrate nelle previsioni metereologiche; sostituite dalle animazioni al computer. Scelte stilistiche? Se si mostrassero in tv molte delle immagini satellitari che stanno circolando in internet, la gente probabilmente comincerebbe a chiedersi che cosa sta succedendo perchè non serve certo essere degli esperti per vedere che non c’è nulla di normale nel vedere una città coperta da una griglia di scie concentrate entro i confini della stessa.

E una campagna subliminale, di proporzioni sempre più vaste, che sta producendo gli effetti desiderati.

Parte 2 Parte 3 Parte 4 Parte 5

Annunci

2 Risposte to “Scie chimiche”

  1. sonoqui Says:

    Proprio giorni addietro con il mio telefonino
    ho ripreso un pezzo di cielo a mò di griglia.
    Erano sicuramente scie chimiche.
    Vorresti spiegarmi perché “scaricano” queste “materie” sulla terra?

    Grazie e buona serata
    Gina

    • consapevolezza Says:

      Ci sono molte teorie al riguardo, chi asserisce che lo fanno per il controllo climatico,altri credono che sia collegato al progetto Haarp, per il controllo metereologico.
      non c’è ad oggi una risposta definitiva,ma una cosa è sicura in quelle nubi non c’e nulla di buono.Questo è stato confermato da ricercatori indipendenti e seri,che hanno preso campioni di terreno e neve contaminati da queste particelle di metalli vari contenute in queste scie,e il responso è stato agghiacciante.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: