LIBERIAMOCI DAL CONDIZIONAMENTO

Purtroppo la maggior parte delle persone è stata cresciuta, ed educata nella convinzione che deve delegare i propri desideri e la propria volontà il proprio benessere personale e quello collettivo a qualcun’ altro che se ne occupi per lui.  Niente di più sbagliato.

Osservate i vostri desideri e le vostre aspirazioni e vedete se sono ispirati dal vostro io interiore,oppure rispondono a modelli preconfezionati da altri o dalla “cultura” attuale,che li diffonde come un qualcosa da raggiungere,come aspettativa comune.

Spesso se ci fermiamo a pensare ci accorgiamo che ogni nostro desiderio personale è dettato da bisogni costruiti, appositamente, al di fuori di noi per farci prendere una direzione che altri hanno deciso per noi.

La volontà di migliorare la nostra vita, acquisire consapevolezza, dipende da noi stessi e non da cosa ci offrono i modelli di riferimento.

 La carriera, successo, l’automobile, il telefonino, sono stereotipi precostruiti da chi ci controlla  per orientare i nostri desideri verso il possesso di cose; possesso che viene mostrato come la chiave della felicità: Ma le persone in generale vi sembrano felici?

Abbiamo molto di più di quanto avessero i nostri nonni,o genitori,ma la qualità di vita della maggioranza delle persone non sta migliorando, anzi,dalle statistiche pare proprio che stia peggiorando,come mai?

Dai politici, sociologi, pubblicitari,e mezzi di comunicazione di massa, ci viene detto che alla gente vien dato ciò che chiede, ma in realtà sono richieste indotte dal sistema,non certamente da noi,  quindi mentono sapendo di mentire perchè è da sempre risaputo che le masse desiderano ciò che gli viene suggerito come desiderabile e indispensabile,e non ciò che vogliono veramente.

Creano bisogni e valori, fittizi, con la tecnica della persuasione occulta e del controllo, e questo mantiene l’uomo intrappolato in una gabbia emotiva e mentale.

Pane e circo era il motto che utilizzava l’impero Romano, utilizzato ancora oggi,e considerata  la chiave per il potere.

Da allora non è cambiato nulla, le attuali società così dette democratiche, ricalcano nella maggior parte questa formula che costituisce la base  per governare il un popolo, dandogli  l’illusione di partecipare alle scelte. Dietro questo  concetto di democrazia si cela, il più subdolo condizionamento di massa messo in atto dalla storia moderna ad oggi.

Con la “democrazia” il popolo delega le sue necessità,  e la gestione del bene comune, ad altri che dovrebbero farsi carico della comunità e quindi promuove il cambiamento che il popolo stesso richiede, ma se e quando  accade qualcosa  è  solo per il mantenimento del controllo stesso, questo perchè ormai i  bisogni della gente sono “teleguidati” dalla manipolazione della mano nascosta che non vediamo.

Acquisire consapevolezza e coscienza ha molta importanza all’interno delle masse, per questo si vuole impedire di creare uno spirito solidale o comunitario, generando  conflitto, e dal conflitto poi si passa all’odio, creare delle masse contrapposte per idee, cultura, è la strategia per detenere il potere, ( Divide et impera), cioè dividi e soggioga, dicevano i latini, non ha importanza il soggetto del contendere, che  sia politico, sociale, morale, religioso, economico o culturale, si vuole separare la gente in fazioni che si odiano e combattono,Dividi e soggioga assicura il dominio sui popoli.

 Anche la paura è una forma di controllo. Se volete dominare un gruppo di persone, inventate un finto pericolo esterno e prospettate una soluzione vincente. Questa tattica è chiamata: Problema,reazione,soluzione. Si crea un falso problema,viene prospettata una soluzione dalgli stessi individui  che hanno creato il finto problema, quindi  non  la vostra, e così il popolo  legittima e delega a questi che decidono per  noi ,anche  attraverso la paura. La lotta al terrorismo internazionale ne è un esempio.

Ci sono altri modi per instillare la paura nella vita quotidiana del popolo,come: Rendere precario il lavoro, bloccare il flusso della liquidità monetaria, attentare alla salute… in somma: togliere la fiducia nel presente e la speranza del futuro. Questo è il gioco del potere occulto che non si fa vedere,ma si fa sentire,non i finti  politicanti, controllati e al servizio di queste forze che sono il vero potere che decide.

Finché l’Umanità avrà paura di sentirsi libera, uguale e fraterna, sarà tenuta divisa dall’odio e potrà essere governata, tenuta in schiavitù, da chi trae forza e giovamento da questa condizione!

Ma per fortuna non tutto il male finisce per nuocere, perchè in tutto questo la profonda consapevolezza che il sistema dietro le quinte  ci condiziona può esserci il mezzo stesso che ci  consente di  fare il percorso verso la libertà, senza  limitazione,  scuotendo l’animo dell’individuo verso la liberazione,  creando una condizione di vita con consapevolezza e quindi più soddisfacente.  Dobbiamo incidere nelle nostre coscienze che la qualità di vita non è data da ciò che possediamo,ma da una struttura socio economica accettabile, e questo è possibile solo se si giunge a una  vera presa di coscienza e  consapevolezza  interiore dell’ importanza del ruolo che abbiamo come individui,e  dalla posta in gioco che ci attende nel prossimo futuro.

Chi gestisce il controllo, conosce bene questi meccanismi e li sfrutta per il suo fine proponendo modelli sociali e comportamentali, che coinvolgono anche il nostro se più interiore. Per questo viene alimentata la rincorsa ai beni materiali che acceca l’aspetto personale con i bagliori del successo, della visibilità, del possesso.  Su questi falsi valori è impossibile costruire la società della solidarietà del benessere e dell’abbondanza spirituale.

Anche se il livello di coscienza delle masse è cresciuto negli ultimi 50 anni, anche grazie ad internet, non è sufficiente, per  intraprendere un percorso di consapevolezza e  crescita di coscienza,dobbiamo andare alla sostanza delle cose, non dare ascolto ai falsi mezzi di informazione, ai falsi profeti o agli imbonitori, non farci condizionare dalle belle parole o dai bei vestiti. Il cuore,cioè  “la nostra coscienza” sa costruire in sintonia e armonia con i principi universali, creando rapporti sinceri e indissolubili tra gli esseri umani,e con  la natura stessa.

La coscienza, intesa anche come anima, sa trasforma le forze del condizionamento in energie del rinnovamento e riprogrammando il nostro DNA in modo da liberarci dall’identificazione con il lato illusorio della vita ,che rompe l’incantesimo di “Matrix” e ci svela la realtà fondata sull’Amore come forza coesiva dell’Universo. L’unica forza capace di dissolvere la paura e annichilire l’odio e il senso di separazione.

La meditazione ad esempio è indicata da sempre come una tecnica molto efficace nell’allineamento della personalità al Sé spirituale poiché stabilisce un ponte interiore che non può essere condizionato da forze esterne, quindi  se vogliamo cambiare il mondo che ci circonda,prima dobbiamo cambiare il mostro se interiore.

Ascoltiamo  il nostro se interiore per  trovare risposte concrete al bisogno di benessere, non chiediamo agli altri di cambiare il mondo, ma troviamo dentro di noi quella forza necessaria per cambiarlo, ogni cambiamento nasce da dentro, nella consapevolezza di ciò che siamo e di quale compito abbiamo.

Il risveglio serve a  crescere per divenire migliori, uniti nel trovare soluzioni per il  bene per tutti.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: