FOCALIZZA LA MENTE

La maggioranza crede di avere il controllo della propria mente, ma nella realtà dei fatti non ha alcun controllo concreto sull’attività mentale. La mente è autonoma, pensa quello che vuole, quando vuole, fantastica tutto il tempo, pensa a cosa vorrebbe dire o fare a quella data persona in quella particolare situazione, spesso ipotizza anche disgrazie e difficoltà di ogni genere. Questi sono alcuni esempi:

Ho parcheggiato l’auto nuova sotto casa, cosa succederà?

Sento un dolore al petto, non sarà un problema cardiaco?

Sto arrivando in ritardo al lavoro, mi diranno che possono fare a meno di me.

Appena vedo quel farabutto gli dico che è un essere spregevole, allora lui mi dirà che…e io…e poi lui mi dirà che ecc..

La nostra mente è sempre occupata in un faticoso dialogo interno, pensa immediatamente alle ipotesi peggiori, perché la mente è costruita per la sopravvivenza, quindi è programmata per immaginare le conseguenze più terribili in ogni situazione.

Il corpo tende in modo automatico ad una vibrazione più bassa, poiché occorre meno energia per restare ad un basso livello vibratorio, e se non siamo costantemente presenti, consapevoli di noi stessi e a ciò che pensiamo, si scende automaticamente verso vibrazioni corrispondenti ai pensieri che attraversano la mente, amplificando paure, ansie, fastidi in genere.

Anche il fantasticare con la mente a caso  non è lo stesso che focalizzare pensieri consapevoli positivi mirati e concentrati, nella visualizzazione concentrata o focus mentale invece si crea in modo intenzionale.

Un vero artista non si abbandona solo alle fantasticherie, ma visualizza con il pensiero e si concentra sui mondi che poi vuole rappresentare e realizzare.

L’immaginazione in genere, specialmente quella negativa è subita e mai voluta o controllata, viene letteralmente pensata dai nostri pensieri, non usa la materia mentale in maniera attiva con coscienza e consapevolezza.

Spesso rimane difficile interrompere una serie di pensieri negativi ed è dovuto al fatto che i pensieri negativi ossessivi ne attraggono altri  simili, come una calamita.

Ricorda che per la legge di attrazione o risonanza si attrae tutto ciò che è in linea o simile. Questi pensieri una volta innescati, come ad esempio: gelosia, abbandono, tensione per un esame, un colloquio, eccessiva preoccupazione per il futuro lavorativo,  amplifica il vortice negativo sempre più nella vita quotidiana.

Per una determinata situazione la personalità (piano mente) manifesta una preoccupazione così forte da impedire il sonno, ancora di più quando l’attenzione della coscienza si riduce, così il dialogo interno mentale  è fuori controllo, e prende il sopravvento a un punto tale che fermarlo diventa una impresa titanica.

Lasciarsi prendere dalla immaginazione negativa ci impedisce di vivere il presente il qui-e-ora, innesca sempre delle emozioni negative che la mente attinge dal passato o dalla preoccupazione eccessiva per il futuro che si ripercuote nel presente.

L’immaginazione negativa ci fa anche perdere energia e tempo che potremmo utilizzare per lavorare su noi stessi, aiutare altri,  pensare cose creative,  acquisire più consapevolezza e fiducia in noi stessi.

Il modo migliore per gestire l’immaginazione negativa è quello di restare presenti a noi stessi prendere consapevolezza dei pensieri negativi che si affacciano e attraversano la mente, senza farsi ossessionare da essi e fare uno sforzo per reindirizzarli in senso positivo, ripartendo da un nuovo punto di consapevolezza mentale.

Ricorda che il presente è l’unico momento che puoi vivere e gestire realmente, il resto è energia sprecata, che puoi focalizzare in modo più produttivo e positivo.

I pensieri senza controllo creati dalla mente non danno la consapevolezza di se, di vivere il presente, identificarsi con qualche pensiero, emozione negativa, è tempo perso.

La personalità ovvero la nostra parte animale, avrà sempre un motivo per essere ansiosa, infelice, e solo se ci si esercita ad avere un controllo più consapevole dei nostri pensieri, si verificherà il cambiamento o processo di trasmutazione che porterà ad aumentare la  forza interiore.

Una frase da ripetere mentalmente per controllare i pensieri negativi è questa:

“Ho deciso di concentrarmi sulla prosperità, voglio attrarre benessere e armonia, ho deciso di concentrarmi soprattutto sul benessere mentale e materiale, poiché comprendo che i miei pensieri sulla prosperità sono legati alla “Legge dell’attrazione” e mi conforta sapere che, quando mi sento bene, posso attirare soltanto cose che mi fanno sentire bene, come pura energia positiva”.

Ripetere questo esercizio più volte al giorno, anche se non ricordate interamente la frase, sarà sufficiente dire “Voglio attrarre benessere armonia e ricchezza”, questo ha effetti positivi nel subconscio che guida il 95% delle azioni quotidiane, mentre solo il 5% è cosciente e sceglie di andare in auto, piuttosto che a piedi.  Ripetetelo soprattutto quando cominciano ad affacciarsi pensieri sensazioni e situazioni negative, avrà un effetto potenziante sulla mente per attrarre le situazioni che più desiderate.

Ma ricorda che devi perseverare con forza di volontà e costanza.

Lo so che può sembrare strano che basti una frase del genere, ma tu forse  non immagini qual’è il potere della  mente e di come lavora il nostro subconscio . Nei video c’è l’esperienza riportata da Esther e Jerry Hiks, due coniugi che hanno sperimentato di prima persona, per tanti anni la legge universale dell’attrazione.


Parte 2


 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: