Ladri Di Energia

Fin dai giorni degli illuminati di Baviera,questa cospirazione mondiale per il rovesciamento della civiltà, e la ricostruzione della società sulla base dello sviluppo bloccato,dell’invidia malevola e dell’impossibile eguaglianza è cresciuta costantemente”.

Così affermava Winston Churcil nella metà degli anni cinquanta, perché ad uno come lui non erano certo sfuggiti certi segni e comportamenti a livello internazionale da parte di chi aveva vinto la seconda guerra mondiale.

Con la rivoluzione industriale, la tecnologia è cresciuta ad una tale velocità,che ha reso possibile raggiungere risultati da poter gridare al miracolo, o alla stregoneria, a seconda dei punti di vista, ( alcuni affermano che tale salto tecnologico è frutto della retro-ingegneria aliena, cioè lo studio di tecnologia riguardante manufatti o velivoli di origini extraterrestre a partire dalla metà degli anni quaranta), ma per il momento rimaniamo negli affari terrestri.

E’ stato subito chiaro già dall’inizio del XIX secolo, che chi avesse dominato e sfruttato le risorse energetiche e tecnologiche correlate ai combustibili fossili, avrebbe anche dominato il mondo.

Inizialmente la battaglia tra le forze che guidano i destini del Mondo si svolgeva per il controllo delle risorse planetarie di idrocarburi, come il petrolio, uno fu Enrico Mattei , che con la sua Eni (ora gestita da personaggi poco raccomandabili), prese di petto le famigerate sette sorelle, (Esso,BP,Mobil,Royal Dutch-Shell,Texaco,Chevron,Gulf Oil).

Da allora si è affiancata anzi direi infiltrata l’attività dell’intelligence, con la disinformazione l’eliminazione silenziosa di tutte quelle scoperte e tecnologie che ci permetterebbero, in tempi brevi e con poco sforzo, di liberarci dai combustibili fossili e dai danni collaterali che ne derivano.

Il primo scienziato a sperimentare sulla sua pelle un simile scenario, è stato il geniale fisico serbo Nikola Tesla, che convinse il banchiere J.P.Morgan a finanziare i suoi studi per un sistema di distribuzione dell’energia elettrica,”ad accesso completamente libero”, basato sulla trasmissione di energia senza fili, per un fenomeno di risonanza Terra Cielo, da lui stesso scoperto, con la costruzione della torre Warderclyffe.

Tuttavia Morgan quando comprese che sarebbe stato impossibili guadagnarci anche un solo penny, smise di finanziare Tesla, e l’attività di Wanderclyffe si fermò definitivamente nel 1902. Il governo degli Stati Uniti sequestrò tutta la documentazione in possesso di Tesla, in nome di una poco chiara sicurezza nazionale, e di tale documentazione nessuna ha mai più saputo nulla.

Oggi come allora, vogliono darci a bere che l’unica energia alternativa alla dipendenza dai combustibili fossili, è il nucleare. La fissione nucleare, avviene con la rottura di un atomo pesante, di solito U-235, o Pu-239, in atomi più leggeri da parte di neutroni, studiata a fondo negli anni trenta, poco prima della seconda guerra mondiale, dal gruppo di via Panisperna, guidato da Enrico Fermi,e da quel momento “per esigenze belliche”,lo sviluppo dell’energia Nucleare, divenne una questione prettamente ed esclusivamente di carattere bellico.

Negli anni a venire furono fatti esperimenti nucleari, in ogni parte del mondo sono stati fatti esperimenti ovunque, facendo detonare più di 2.500 ordigni nucleari.

La costruzione de primi reattori nucleari, è avvenuta soprattutto per produrre il combustibile per le bombe a fusione atomica, (boma a idrogeno), creando due grandi tipi di reattori, i Light Water Reactor (LWR), e i mostruosi RBMK (reattore a grande potenza a canali), in unione sovietica.

Entrambi hanno due problemi irrisolvibili: il primo sono le scorie di produzione attive per milioni di anni, e secondo, è che entrambe le tecnologie sono intrinsecamente molto pericolose in fase di esercizio commerciale.

Per i LWR, ( Fukuschima il peggior disatro ambientale al mondo insieme a Chernobyl), non si è capaci di proteggere il nocciolo da eventi catastrofici, (per esempio Terremoti), e non si dispone di seri piani di decommissioning, ossia nessuno sa bene cosa fare una volta che i reattori saranno spenti ed esauriti.

Per gli RMBK, si ignorano le procedure una volta avviato lo spegnimento, (Chernobyl aveva 5 reattori RMBK da 1000 MW l’uno).

L’attuale tecnologia industriale per la produzione di energia elettrica da fissione è perdente sotto tutti i punti di vista, costosissima, poco sicura, pericolosa in esercizio, produce scorie di inimmaginabile tossicità, per lo smaltimento non si sa ancora cosa fare. Le centrali hanno un tempo di avviamento dell’ordine biblico, e una volta definitivamente spente non si sa cosa fare di un area altamente contaminata.

IL solo affare è per le grandi compagnie energetiche tradizionali, che posseggono quote significative delle aziende che gestiscono il ciclo dell’uranio, e che hanno sparpagliato per il mondo centinaia di centrali, che non hanno contribuito affatto a ridurre in maniera significativa la dipendenza totale dagli idrocarburi che loro stesse controllano.

Nel tempo si sono sviluppate diverse tecnologie per ottenere la fusione nucleare fredda, con Sergio Focardi (fisico presso l’Universita’ di Bologna), insieme ad un team, per capire la reazione a Bassa Energia.

In una conferenza stampa tenutasi nell’aula magna dell’Universita’ di Siena, venne resa pubblica la creazione di un innovativo processo di produzione di energia tramite Reazioni Nucleari (comunemente chiamato LENR).

L’uso della terminologia e’ particolarmente importante in questo caso, poiche’ Focardi e Piantelli sottolineano come il loro metodo differisca profondamente da quello precedentemente ideato da Fleischmann e Pons (ossia tramite la fusione fredda).

Infatti, Focardi e Piantelli sostengono che nel loro processo potrebbero verificarsi reazioni di tipo nucleare ancora sconosciute, molto probabilmente senza elementi comuni a quelli presenti nelle cellule deuterio e palladio di Fleischmann e Ponns.

Per esempio il procedimento Piantelli-Focardi due ricercatori Italiani, consiste nel mantenere una barra di nichel ad una temperatura di circa 200-400 °C tramite una resistenza elettrica, e caricata con idrogeno attraverso un procedimento particolare (i dettagli del protocollo sono descritti in diverse pubblicazioni di Piantelli e Focardi.

E’ costituita dall’emissione (anche discontinua o debole) di raggi gamma dalla barretta di nichel che, una volta innescata la reazione, emette piu’ energia di quanto ne servirebbe per il suo stesso riscaldamento. A riprova della loro tesi gli autori hanno ancora una volta pubblicato diversi articoli in merito.

Nell’aprile del 2011 Giuseppe Levi, fisico nucleare dell’INFN,Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ipotizza che l’apparecchio presentato a Bologna dall’Ing. Andrea Rossi, indicato come “Catalizzatore di Energia” o E-Cat, funzioni grazie ad un procedimento simile alla fusione fredda Nichel-Idrogeno.

“La macchina presentata da Andrea Rossi, produce energia pulita tramite fusione fredda, ovvero è un Catalizzatore Energetico ed utilizza polvere di nichel e gas idrogeno, per indurre una reazione che non avviene in un enorme e costoso reattore termonucleare che pone gravi problemi di sicurezza, ma in un apparato che può stare su un normale tavolo delle nostre case”.

Anche se buona parte dei dettagli del funzionamento sono tenuti tuttora segreti da Rossi per presunti motivi di assenza del brevetto e relativa protezione della proprieta’ industriale, a livello internazionale il brevetto, non e’ stato ancora ottenuto, ma in Italia ne e’ stato rilasciato uno nell’aprile del 2011.

La fusione fredda ora può essere realtà, con uno schiaffo morale dunque, a chi sbandiera il “nucleare sporco” come scelta obbligata, a vantaggio non certo della gente, ma di quelle multinazionali chiamate a costruire le nuove (si fa per dire) centrali nucleari a fissione, veri e propri dinosauri che sarebbero da smantellare.

Andrea Rossi si è incontrato con alcuni scienziati della NASA, ma su questo incontro Rossi afferma di non essere autorizzato a fornire informazioni, e che può solo dire che lavoreranno assieme.

Chi è a conoscenza delle manovre occulte della NASA per contrabbandare le scie anomale (persistenti e non) rilasciate da aerei con frequenza assolutamente irregolare al di fuori da ogni controllo, non può fare a meno di vedere ombre inquietanti su un progetto incredibile che potrebbe regalare al pianeta energia pulita a basso costo, e permetterci di eliminare il nucleare e l’inquinantissima dipendenza dal petrolio. Speriamo che non venga eclissato come il progetto di Nikola Tesla.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: