L’Apocalisse del Pianeta Mallona Parte 11

Cari lettori del blog, non sono sparito, non posto un articoli da due mesi, ma sono qui, non temete, pronto a condividere le informazioni che ho raccolto in anni di ricerche con voi. Anche per me ogni tanto, c’è bisogno di riflettere, capire, meditare, quindi ho ritenuto di fare una pausa.

La condivisione di informazioni, è molto importante, e servirà a capire il futuro andamento degli sviluppi sociali, economici, politici che ci attendono nel prossimo futuro, e per fare questo bisogna comprendere cosa sia accaduto prima.

Qualcuno diceva: Per comprendere il presente, bisogna sapere e capire gli avvenimenti del passato.

Anche se per alcuni di voi queste informazioni potrebbero già essere note, per altri non lo saranno, vi accorgerete che combaciano e si incastrano perfettamente, dando una comprensione migliore della situazione che l’umanità vive.

Informazioni importanti, utili a formare un proprio pensiero autonomo, una capacità di analisi critica della situazione attuale. Farò una sezione apposita dove potrete scaricare gratuitamente i Pdf, per poterli leggere.

Come diceva Eugenio Siragusa, la verità non si vende e non si compra, e aggiungerei, si ricerca con la pazienza, la buona volontà e la perseveranza.

Le informazione, che leggerete, secondo il mio parere, rappresentano la vera storia del pianeta Terra, dell’uomo, e sono state comunicate dai Fratelli cosmici ad Eugenio Siragusa. Per chi volesse scaricarli subito, per avere una visione più completa, può farlo direttamente al sito, alla sezione Libri, da Qui.

La Terra è sempre in fase di sviluppo, un tempo il pianeta che ci ospita, si trovava nell’orbita del pianeta Venere e quest’ultimo in quella del pianeta mercurio.

Nel sistema solare tutti i pianeti occupavano orbite diverse da quelle attuali e questo a causa della presenza di un altro pianeta chiamato Mallona o Lucifero, che oggi non esiste più, del quale è rimasto soltanto un numero enorme di asteroidi.

Alcuni scienziati hanno scoperto che gli anelli di Saturno e i numerosissimi asteroidi che orbitano tra Marte e Giove, appartengono ad un pianeta che ha subito una disintegrazione, causata dallo scoppio di grossi giacimenti nucleari posti nel sottosuolo di Mallona, che orbitava tra Marte e Giove.

Gli scampati del pianeta Mallona, con numerosissime navi, attraversarono lo spazio e giunsero sul pianeta Terra. Molti altri scampati raggiunsero anche il pianeti Marte, Venere, Saturno, ma non sopravvissero.

Il pianeta Terra, in quel tempo, (circa 100 milioni di anni fa), in via di sviluppo, era popolato da enormi dinosauri e dall’uomo primitivo, per cui non era del tutto ospitale, e i nuovi arrivati non erano equipaggiati adeguatamente, fu un riparo provvisorio, dato il momento disperato per gli esseri che provenivano dal pianeta Mallona.

Le Creature di ambo i sessi credettero infatti di trovare sulla Terra una temporanea sistemazione in attesa degli eventi, ma il tempo del peggio era ormai prossimo e mentre sul pianeta agonizzante Mallona, milioni di altre creature attendevano la salvezza, una visione apocalittica, con un immenso bagliore a croce colpì l’atterrito sguardo degli scampati.

Il cielo divenne terso e pauroso. In questo evento ci ricolleghiamo alle teorie di Zecheria Sitchin, (di cui io sono comunque un estimatore) in realtà il pianeta Nibiru, era il Pianeta Mallona, esploso milioni di anni fa, tra Marte e Giove.

Sitchin, non aveva allora le informazioni complete che abbiamo oggi, ma comunque fece un buon lavoro di traduzione letterale delle tavolette Sumere, che in realtà descrivevano l’apocalisse del pianeta Mallona, con il conseguente sbarco dei sopravvissuti Malloniani sulla Terra.

La teoria di Sitchin di un pianeta con una orbita molto lunga o ellittica che entrerebbe nel sistema Solare, ogni 3.660, non potrebbe comunque reggere, perché se così fosse ogni 3.660 anni avverrebbero, (considerate in milioni di anni quanti passaggi), degli sconvolgimenti, che colpirebbe tutti o quasi i pianeti, incrociandoli nelle loro orbite, si verificherebbe un tale caos, che il sistema Solare collasserebbe e cesserebbe di esistere.

Non dimentichiamo che il cosmo non è mai caos, ma ordine, e risponde a leggi molto rigide, è armonia creativa in continuo divenire. Il caos lo creano gli uomini che deviano e disubbidiscono alle leggi dell’Intelligenza Divina.

orbita nibiru

sithchin

La verità è che una cellula dell’Universo (Mallona) fu uccisa dall’uomo ribelle, disubbidiente alle Leggi del Cosmo. Una grave colpa che non poté essere facilmente cancellata e che il Cosmo punisce severamente. Il caos in tutto il sistema solare divenne di enorme portata anche per molti altri pianeti, Terra compresa, rischiando di essere spinti fuori dal proprio equilibrio, vedi sotto il disegno del sistema Solare in origine:

Mallona

                    Vista parziale del nostro sistema Solare prima della catastrofe.

 

dwarf-planets                    Vista parziale del nostro sistema Solare dopo la catastrofe.

Dopo la distruzione del pianeta Mallona, il Sole vibrò fortemente lasciando sfuggire dalla propria superficie una enorme massa di materia incandescente che si assesterà poi in una orbita vicinissima ad esso, che noi oggi chiamiamo Mercurio, quasi a voler sostituire un figlio perduto.

La Terra, Marte, Venere e tutti gli altri pianeti del sistema solare ricevettero enormi urti, mentre i giganteschi macigni del pianeta distrutto si diressero in tutte le direzioni dello spazio siderale. Molti di questi piccoli mondi trovarono assestamento definitivo orbitando nelle immediate vicinanze del pianeta Saturno.

La superficie di Marte porta ancora molto visibile la cicatrice degli impatti avvenuti in quel lontano passato:

Marte

Nella foto sopra si vede chiaramente la cicatrice lasciata dall’enorme impatto causato dai pezzi del pianeta Mallona dopo la sua esplosione, avvenuta circa cento milioni di anni fa, a causa della follia umana e dell’energia nucleare.

——————————————

Marte VeroNon dimenticate che il vero aspetto di Marte è questo, non quello desertico morto, che mostra la Nasa, e le Tv. Esiste ancora una atmosfera, anche se sottile, acqua, vegetazione ecc… Questa foto fatta con il telescopio Hubble, mostra l’emisfero opposto alla foto precedende dove si trova l’enorme cicatrice. Vedi articolo su Marte.

Lo sconvolgimento del sistema Solare fu disastroso e il pianeta Terra, mondo di azzurro manto, subì, oltre agli urti, lo spostamento dell’asse polare, con tutti gli effetti conseguenti, disastrosi eruzioni vulcaniche, sollevamenti ed abbassamenti della crosta terrestre, invasione pazzesca delle acque, movimenti tellurici di vasta portata.

Gli esseri provenienti da Mallona, che sulla Terra si erano rifugiati, cercando una temporanea sosta per avere salva la vita, vennero decimati con i loro mezzi in sosta e completamente distrutti, dalla terra e dalle acque in movimento.

I superstiti non furono molti, la lotta della sopravvivenza divenne disperatissima, le loro menti, sconvolte dalla immane sofferenza psichica, provocò il completo annullamento della loro personalità.

Gli occhi sbarrati dal terrore furono le sole cose rimaste nell’immane desolazione che li circondava. Gli infelici esseri che sopravvissero a tanta sventura, ebbero dinanzi a sé un pesantissimo bagaglio di enormi sacrifici da portare lungo il nuovo cammino della loro esistenza.

Passò molto tempo e lentamente si andava cancellando dalla loro mente l’immagine di tanta tristezza, ma il ricordo degli esseri Terrestri, di esseri venuti dal cielo insieme alla loro sventura non li abbandonerà mai.

Dopo una temporale ed apparente sistemazione nella nuova dimora, gli esseri Malloniani, rimasti e scampati al disastro cosmico, (morirono 7 miliardi di esseri nel disastro di Mallona) disastro causato dalla loro diabolicità, con l’uso e l’abuso dell’energia nucleare, con un enorme impatto sulle specie terrestre primitiva, che il pianeta in quel momento ospitava.

Avvenne così un accoppiamento tra gli esseri delle due razze, Terrestre-Malloniana, per cui si ebbe la perpetuazione della genetica del pianeta Mallona, cioè di un certo valore di carattere scientifico, ma purtroppo privo di qualità spirituali. Chi crede che gli uomini non esistessero al tempo dei Dinosauri si sbaglia, perché sono state trovate impronte di dinosauro insieme a quelle di esseri umani, quindi o sono errate le date della scienza ufficiale, o i dinosauri sono vissuti molto dopo di quello che la scienza ufficiale crede di credere!

FOSSILE IMP.Vedi foto sotto Impronta umana fossile trovata in Bolivia, datazione 15 Milioni di anni Veadi rticolo original

imp.                                    Orme di Dinosauro e Umane fossilizzate, l’une accanto alle altre

dinosaur-vs-human                               Le pietre di Ica, raffigurano Dinosauri e Uomini insieme, vedi Articolo

290-million-year-old-footprint-Ancient-CodeQuesta impronta Umana fossilizzata secondo la datazione ufficiale sembra avere 290 milioni di anni, vedi articolo originale.

310c5-impronta3Queste impronte umane risulterebbero avere addirittura 500 milioni di anni, secondo la datazione ufficiale, vedi l’articolo

17e9c-impronte1         Paluxy River: impronte di dinosauro, in una delle quali è sovrapposta quella di un piede umano.

35e50-impronteNel letto del fiume Paluxy, formatosi nel Mesozoico 140 milioni di anni fa, sono state ritrovate impronte di dinosauri accanto a quelle di piedi appartenenti ad un uomo, vedi articolo.

uf57484,1256655403,glenrosedino_man_footprint1Dougherty_gesamt_klein                              Alla ricerca di tracce aggrada Nel terrestre Mesozoico, vedi articolo

In seguito i Malloniani non rieuscirono a sopravvivere sul nostro pianeta a causa dei continui assestamenti del geoide (terremoti, maremoti e altre convulsioni dovute alla dilatazione e alla contrazione del pianeta), ma soprattutto per la frequenza vibrazionale molto bassa e per la pressione atmosferica assai elevata, per cui coloro che restarono morirono anche per emorragia cerebrale.

Rimase così l’uomo primitivo con valori genetici più sviluppati predisposto scientificamente, con l’incrocio della due razze.

L’uomo cominciò a scoprire meglio la natura e le sue forze, “tecnologicamente” con il tempo si sviluppò, ma nel suo intimo rimane ancora l’ombra spettrale di un triste atavico ricordo. Inesorabilmente il tempo passava: giungiamo così a circa 63 milioni di anni fa.

Sul pianeta avvengono nuovamente ritorsioni enormi per via del suo assestamento, causato dal cambio dell’asse magnetico, ad opera di un asteroide malloniano che impattò con il geoide Terrestre, determinando la ciclica mutazione del pianeta Terra.

I dinosauri scompaiono all’improvviso non solo per questo motivo ma soprattutto per l’intervento, di vaste proporzioni, dei Signori dello Spazio. In effetti i dinosauri furono operati sul coccige e sull’ipofisi, subendo una riduzione stabilizzante della propria mole, per essere adattati ad una nuova frequenza vibrazionale del pianeta, e alla diminuzione della pressione atmosferica.

Onde impedire lo sviluppo e la proliferazione di tali giganteschi animali, gli “uomini del cielo” scendono, anestetizzano il dinosauro operandolo sul coccige e sull’ipofisi e trasformando così l’informazione genetica del suo accrescimento.

dinosauriScena bifacciale, incisa su una delle tante pietre ritrovate nella città di Ica (Perù), raffigurante l’intervento sui mastodontici dinosauri attuato dagli Uomini-Dèi, giunti nel nostro pianeta su un “uccello metallico”.

In questo periodo appaiono nuovi animali ed insetti (ape, cavallo, ecc.), portati da altri mondi. L’ambiente viene mutato per rendere possibile l’evoluzione della vita: la Terra e i suoi frutti vengono benedetti dal Sole.

L’uomo, pur avendo subito un impatto genetico traumatizzante (Mallona), riprende, grazie ad un nuovo e determinante intervento degli Elohim, nel suo lungo cammino evolutivo. L’intercessione, avvenuta dopo molti milioni di anni, caratterizzerà determinerà la sua futura ascesa, passando così da umanoide ad uomo sapiens, cioè possessore di una genetica informativa con altissimi valori morali, spirituali e scientifici, anche se male usati.

IL Pianeta Mallone e l’energia Nucleare

Parte 1

 Parte 2

Considerare la notte dei tempi, per la mente umana, è molto complesso perché le variabili sono fantastiche e non razionalizzabili dalla nostra logica molto terrestre e poco universale. È comunque necessario tenere presente che le date precedenti allo sconvolgimento dovuto alla esplosione del pianeta Luce, Lucifero, Mallona, sono calcolate in modo approssimativo, perché la diversa distanza dal Sole, la diversa velocità di rotazione sia su sé stessa, che intorno al Sole, della Terra non erano come oggi.

È impossibile per il nostro metodo scientifico calcolare la formazione e i periodi di evoluzione del sistema solare. Nella realtà astrodinamica, prima della situazione attuale, il concetto del tempo e del suo scorrere era sostanzialmente diverso!

La dilatazione di spazio e tempo nel microcosmo e nel macrocosmo tende, (secondo la metodologia inferiore, all’infinito) secondo la superiore a zero.

Possiamo dire che ogni 700 milioni di anni, il Ciclo Cosmico Terrestre muta da uno stato evolutivo ad un altro, divisi in 7 cicli minori di 100 milioni, in cui si compiono le convulsioni dell’anima planetaria, che vedremo nel dettaglio in altri articoli.

Continua…….

 

La Vera Profezia Maya Parte 9.1

In questo articolo, (visto la vicinanza del Natale e del nuovo anno), ho voluto affrontare l’argomento delle profezie Maya, separando gli argomenti in due step, (il secondo step lo pubblicherò tra qualche giorno), cercando di chiarire definitivamente cosa vogliono comunicare alla nostra generazione le vere profezie Maya, e come queste profezie sono legate, a molte altre ed agli eventi prossimi venturi, riguardanti proprio il nostro tempo, più che mai.

Male spiegate e interpretate per motivi sia speculativi che di ignoranza, le profezie dei calendari Maya, riguardano il futuro di tutta l’umanità, di cui si è tanto parlato-straparlato e scritto negli ultimi anni.

Il primo motivo della errata interpretazione è l’ignoranza, il secondo motivo, è creare una sorta di sfiducia con, l’apparente mancato adempimento, nel cambiamento, prossimo venturo, e negli anni avvenire, che presto l’umanità si troverà a dover affrontare.

Carlos Barrios è un antropologo, autore del libro intitolato, il Libro Del Destino. Barrios abita a Huehuetenango, dimora dei Maya, la tribù di Mam, depositari di tradizioni, questi ultimi vengono considerati i custodi del tempo, le autorità in merito per quanto riguarda calendari Maya molto antichi.

Barrios è uno storico e un antropologo, un indagatore, studia da più di 25 anni con gli anziani della tradizione Maya, è diventato un Ajq’ij della tradizione Maya, cioè un Sacerdote cerimoniere e guida spirituale dell’Aquila.

La sua ricerca riguarda lo studio dei calendari Maya, iniziata all’età di 19 anni, apprendendo le varie tradizioni e profezie da molti insegnanti. Insieme a suo fratello, ha intervistato più di 600 anziani della tradizione Maya, ampliando e di molto la loro conoscenza.

Gli antropologi ufficiali, racconta Barrios, hanno visitano i luoghi dei templi, leggendo le iscrizioni e inventando storie sui Maya, ha detto Barrios, non leggono i segni correttamente, la loro è solo immaginazione.

Altri hanno scritto profezie in nome dei Maya, affermando che il mondo sarebbe finito il 21 dicembre 2012, per questo gli anziani Maya si sono arrabbiati! Le profezie Maya non hanno mai parlato della fine del mondo, al contrario della fine di “Un mondo”, una trasformazione in atto, il pianeta Terra sarà trasformato, la società umana subirà una profonda trasformazione, e molti andranno verso una dimensione superiore, (questo importante aspetto lo vedremo più avanti).

Gli indigeni discendenti dei Maya, sanno bene come interpretare i calendari accuratamente e correttamente, la comprensione del tempo dei calendari Maya, la comprensione delle stagioni e dei cicli ha dimostrato in sé di essere vasta e sofisticata.

La tradizione Maya comprende 17 calendari diversi, alcuni rappresentano il tempo in modo accurato per un lasso di tempo che va addirittura oltre i 10 milioni di anni!

Il calendario Tzolk’in o Cholq’ij in particolare, dal 1987 sta attirando globalmente e costantemente attenzione.

Progettato epoche fa, questo calendario è basato sui cicli delle Pleiadi ed è considerato sacro, con cui i nativi hanno mantenuto traccia di importanti punti di svolta nella storia.

I custodi del giorno per esempio, che studiano i calendari, identificarono un giorno dell’anno in particolare, molto importante, chiamato Giunco Uno o Ce Acatal, fu il giorno in cui era profetizzato il ritorno di un antenato, che sarebbe venuto come una farfalla.

Questa particolare data corrisponde alla domenica di Pasqua del 21 aprile 1519, il giorno in cui Hernan Cortez e la sua flotta di 11 galeoni spagnoli, arrivò a Vera Cruz, in Mexico.

Le vele delle navi, ricordano con l’agitarsi, le ali delle farfalle a pelo d’acqua, in quel preciso istante ebbe inizio una nuova era, un’era che avevano anticipato con i loro calendari.

I Maya chiamarono la nuova era, i 9 Bolomtikus, i 9 Inferni di 52 anni ciascuno, e mentre il nuovo ciclo si apriva, i Maya furono privati della libertà e dei loro territori. Sopportarono e dominarono le malattie e la mancanza di rispetto, che iniziò con l’arrivo di Cortez, e durò fino al 16 agosto 1987, data che molti ricordano come Convergenza Armonica.

A partire dal 1987, siamo entrati in un tempo, in cui la visione del mondo in senso materialistico scomparirà lentamente, e inesorabilmente, un’era in cui la pace inizierà a vivere in armonia con la Madre Terra, passando dal 4° al 5° Sole, (dalla 5° razza alla 6° razza, per altri dalla 6° alla7°, dipende sempre dalla cultura che la descrive). 

Questo è il tempo di mezzo, il tempo della transizione, un evento mai avvenuto prima nella storia dell’umanità, e mentre lo attraversiamo c’è una convergenza colossale e globale di distruzione ambientale, di caos sociale, di guerre e di costante cambiamento della Terra.

Tutto questo fu previsto attraverso la semplice matematica a spirale dei calendari Maya, e in futuro ogni cosa cambierà. I Custodi Maya del Tempo vedono il 21 Dicembre 2012 come una rinascita, l’inizio del mondo, cioè del 5° Sole, l’inizio di una nuova era, (non la fine del mondo come è stato fatto credere), derivata dal fatto che il meridiano del sole attraversa l’equatore galattico, e l’allineamento della Terra ha coinciso con il centro della galassia.

Sun-on-Galactic-Plane-Equator                                                              Rappresentazione del piano Galalttico

All’alba del 21 Dicembre 2012, per la prima volta in 26.000 anni, il Sole è sorto per congiungersi all’intersecazione con la Via Lattea e il piano dell’ellittica, questa croce cosmica è considerata la personificazione dell’Albero Sacro, l’Albero della Vita, un albero ricordato in tutte le tradizioni spirituali del mondo.

L’allineamento esatto del sistema solare con il cuore,(centro della galassia), avvenuto nel 2012, ha aperto un canale di energia cosmica, che fluisce sulla terra, elevando tutto ad un livello di vibrazione superiore, il processo in atto attuerà un grande cambiamento che sta accelerando sempre di più e continuerà a farlo.

crop21dic  Rappresentazione siatema Solare nel passaggio del 21 Dicembre 2012, apparsa nel grano in Inghilterra.

L’umanità attuale, sarà testimone di un grande cambiamento ora in corso, molti sono i chiamati in sintonia con tale cambiamento, elevandosi verso un nuovo livello di consapevolezza e coscienza, attraversando e trasformando enormi e potenti forze che cercano di blocare loro la via.

Quindi la specificata data nel calendario del solstizio di inverno del 21 dicembre 2012, non ha mai segnato la fine del mondo, ma al contrario, l’inizio della transizione, da un mondo vecchio, malato, e corrotto, verso un mondo nuovo, una nuova umanità, insieme ad eventi scanditi da avvenimenti soprannaturali, che la scienza non sarà in grado di spiegare.

Molte persone hanno fatto una disinformazione incredibile sul calendario Maya, hanno creato sensazionalismi su questa data, creando così una sorta di sfiducia in qualsiasi avvenimento o processo di un cambiamento futuro.

Quelli che sanno realmente, come interpretare le profezie Maya, sono gli anziani indigeni, a cui è affidata la verità come custodi, (l’elite che al momento domina su questo pianeta, ha creato questa disinformazione di massa allo scopo di fare confusione), mentre sono pochi i ricercatori puri come Barrios, che conoscono la vera tradizione, che parla di una umanità che continuerà e proseguirà, il suo cammino, ma in un modo molto diverso, sarà la fine di Un mondo, (qui ci ricolleghiamo anche con la profezia dell’Apocalisse o Rivelazione, fine di un’era, di una società, una cultura erronea, una generazione specifica), la struttura materiale cambierà, e avremo la possibilità di evolvere, per chi ha iniziato un certo percorso, un divenire in armonia con gli eventi futuri, con lo spirito ed il creato.

Queste profezie entrano perfettamente in sintonia anche con altre profezie derivate dai vangeli Cristiani, che quasi nessuno prende più in considerazione, Un esempio?: Pochissimi credenti aspettano la seconda venuta di Cristo sulla terra!

Non ci ha forse detto Gesù Cristo: “Badate a voi stessi, che talora i vostri cuori non siano aggravati da crapula, da ubriachezza e dalle ansiose sollecitudini di questa vita, e che quel giorno non vi venga addosso all’improvviso come un laccio; perché verrà sopra tutti quelli che abitano sulla faccia di tutta la terra” (Luca 21:34-45). E’ del tutto ovvio quindi che solo badando a noi stessi eviteremo che il giorno della seconda manifestazione Cristica, ci venga sopra all’improvviso, di sorpresa, come un ladro.

Viviamo nell’era più importante di tutta la storia dell’umanità, indicata dai calendari e dalle profezie Maya, dai vangeli, indicata anche dai veggenti più conosciuti degli ultimi decenni, (le fonti che indicano questo tempo sono multiple, come tempo di tutti i tempi, tutte le profezie sul mondo e le tradizioni stanno convergendo, entrando in perfetta sintonia tra loro, non c’è tempo per giocare, l’ideale spirituale di questa era è già in azione.

Molte anime forti si sono reincarnate in questo tempo, con molto potere, per entrambi i lati, per il buio e la luce. 

Il conflitto tra queste due forze è all’opera, sono forze invisibili, ma ne sentiamo gli effetti, dipenderà da ognuno quanto difficile sarà la transizione. La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti. (Ef. 6 11-12).

L’economia traballante è solo un aspetto della crisi, che non è solo economica, ma sociale, morale, etica sistemica, umana, la commedia dell’economia serve solo a distogliere l’attenzione dal fatto che ci sono leggi e forze superiori che determinano gli avvenimenti mondiali, benché vi sia anche una gran parte di volontà umana.

Tornando ai calendari Maya, i primi 5 anni di tensione sono partiti dall’agosto 1987, c’è chi afferma siano iniziati dal 1989, dalla caduta dell’impero sovietico, come l’inizio della distruzione sociale del mondo che conosciamo.

Nei primi dieci anni di questa fase, quindi dall’89 al 1999, molte delle cosiddette fonti di stabilità finanziaria hanno iniziato a vacillare. Le banche ora sono molto deboli, e potrebbe esserci (sicuramente ci sarà) un crollo economico globale. Se le banche crollano, saremo costretti ad affidarci alla terra e alle nostre abilità.

Il sistema monetario sarà nel caos e quindi molto probabilmente dovremmo fare affidamento sulla nostra diretta relazione con la Terra per trovare riparo e cibo, i poli della Terra, nord e sud si stanno muovendo, il clima si modificherà ulteriormente, non parlo di decenni, ma dei prossimi anni!

Il ricercatore Barrios, ha raccontato che un anziano e rispettabile Mam, che vive tutto l’anno in una grotta solitaria, in montagna, lasciò un messaggio semplice e diretto, che tutti gli esseri umani dovrebbero riunirsi in supporto alla luce e alla vita, (al contrario le persone stanno andando ognuno per la propria strada), l’anziano delle montagne disse che ci sarà speranza solo se le persone della luce (quelle che possiedono la luce interiore) si riuniranno in qualche forma.

Noi che viviamo incarnati su questo pianeta, in un mondo di polarità come la notte e giorno, uomo e donna, positivo e negativo, luce e oscurità, cioè il mondo della materia, abbiamo bisogno l’uno dell’altra, cercando di camminare in equilibrio tra spirito e materia.

Ora il lato oscuro (il potere occulto), è molto forte ed è molto chiaro su ciò che vuole, cerca di mantenere chiara la sua visione e le priorità, come anche la gerarchia, sta lavorando in molti modi, cosi da renderci incapaci di collegarci con la spirale della nuova era entrante, creando più confusione possibile.

C’è una diversità di opinioni, di culture, quindi c’è confusione, competizione e non una focalizzazione, il lato oscuro lavora per la fusione, attraverso il materialismo e il rifiuto. 

IL lato oscuro, lavora anche per distruggere, coloro che stanno lavorando con la luce, per seguire insieme alla Madre Terra un più alto livello spirituale, il lato oscuro ama l’energia e la visione del Mondo vecchio, anche se in declino, insieme al suo materialismo, e non vuole che cambi, non vuole il cambiamento, hanno paura di ciò che li aspetta nel successivo, cioè la loro disfatta.

Il potere oscuro di questo Mondo in declino non può essere distrutto o sopraffatto, per il momento è troppo forte, sarà prima necessario che venga colpito al cuore da forze superiori, attraverso un intervento superiore, divino, per cui al momento, l’oscurità può solo essere trasformata con l’impegno di ognuno, messa a confronto con la semplicità, e l’apertura del cuore e l’amore per il prossimo.

Come in una corsa, siamo chiamati a gareggiare con spirito di temperanza perseverando fino a che il tempo non sarà compiuto. Comincia un nuovo tratto di vita per gli uomini e per coloro che non valutano solo la vita solo sulla base della materia terrena, ma che hanno riconosciuto che questo mondo è dell’apparenza, e non ne sono e non vogliono diventarne schiavi.

Mentre i quattro elementi naturali come, l’acqua, l’aria, la Terra e il fuoco, (rappresentati nell’apocaliisse dai quattro cavalieri), hanno dominato varie epoche nel passato, nel tempo attuale, saranno accompagnati da un quinto elemento, cioè il Sole e l’etere.

L’etere, anche se per la scienza non esiste, non manca di sostanza materiale, ma è reale come la la pietra, il legno, o la carne.

C’è bisogno di tutti, non siamo qui senza una ragione, ognuno di noi è qui perché ha uno scopo importante, è un tempo difficile ma importante, abbiamo l’opportunità di crescere, e dobbiamo essere pronti per questo momento storico, intraprendendo la lotta della vita, che il tempo che verrà porterà con sé verso una nuova era D’oro e la fine di quella attuale.

Continua…..

 

 

 

 

La Merkabah il Carro Degli Dei


 

LA MERKABAH IL CARRO DEGLI DEI

crop-circles2

di Pier Giorgio Caria

Quasi tutti, conoscono il fenomeno dei cerchi nel grano. Questi simboli o pittogrammi che compaiono nei campi di grano, in tutto il mondo, principalmente in Inghilterra, sono una forma di comunicazione attraverso simboli, un tipo di linguaggio che ci arriva da super civiltà cosmiche pacifiche, che monitorano da vicino il nostro mondo, per aiutarci a superare uno dei momenti di peggiore di crisi della storia umana.

Questi evolutissimi esseri, nostri veri fratelli superiori, stanno preparando il “nuovo uomo”, l’”Homo Novus” già teorizzato da Giordano Bruno secoli fa.

Le sue profetiche parole a memoria di questo straordinario uomo che ancora oggi, è all’avanguardia nella visione di cosa dovrebbe essere una vera umanità di ordine superiore.

Egli, tra l’altro, diceva: “una nuova visione del cosmo deve per forza corrispondere a una nuova concezione dell’uomo… Le cattedre ai sapienti, non ai dogmatici, i banchi a disposizione di chiunque abbia amore per le scienze, un insegnamento veramente libero, una società in cui il lavoro delle mani e quello dell’ingegno siano onorati in egual misura. Soltanto in questo modo può nascere l’Homo Novus. Proprio questo e molto altro ancora, è il progetto cosmico che i fratelli cosmici, (extraterrestri) stanno aiutando a porre in essere nel nostro mondo.

Progetto che avrà come punto culminante la seconda manifestazione di Cristo  (Mc 13, 24-32) con l’instaurazione di una nuova società sulla Terra.

La costante manifestazione dei loro mezzi, i loro contattati, il loro diretto aiuto palese ed occulto, sta preparando proprio “l’Homo Novus”, il futuro abitante evoluto e cosciente, del nostro mondo.

Da questo scenario scaturisce la genesi e lo sviluppo del fenomeno dei Cerchi nel Grano.

In un messaggio degli Esseri di Luce dato al contattista stigmatizzato Giorgio Bongiovanni, in occasione della comparsa su un campo di grano inglese, il 30 luglio del 2010, del volto di Gesù che la NASA ha ricavato dalla Sindone, le figure manifestate attraverso i pittogrammi si sarebbero evolute verso simboli mistico-spirituali: “…Questo è il loro Messaggio:

sinfome-ccvolto_sindone_crop_5ago10.pdf

Pittogrammi comparsi in Inghilterra che sovrapposti raffigurano il volto di Cristo.

Messaggio inviato dagli esseri cosmici: VOGLIAMO RICORDARVI CHE IL DISCORSO ED IL MESSAGGIO CHE IN TUTTI QUESTI ANNI ABBIAMO LANCIATO ANCHE ATTRAVERSO IL “FENOMENO” DEI PITTOGRAMMI SUBISCE PER EVOLUZIONE NATURALE UN PASSAGGIO DA IMMAGINE COSMICO-SCIENTIFICA A IMMAGINE MISTICO-SPIRITUALE, CIÒ PER PORRE IN EVIDENZA ALLE VOSTRE COSCIENZE CHE QUESTO È IL TEMPO CHE ANNUNCIA LA VENUTA DI CRISTO SULLA TERRA (Matteo cap. 24-30, Marco 13-26, Luca 12-40, Apocalisse di Giovanni 1-7 ED ALTRI) E QUINDI IL TRIONFO DELLA SCIENZA DELLO SPIRITO SULLA SCIENZA SENZA COSCIENZA.

Durante la stagione del 2012 uno dei simboli più pregnanti in questo senso è apparso in due tempi, il 1° e il 21 luglio, nei pressi di Liddington, Wiltshire, in Inghilterra.

circulo12013

Questa figura è un simbolo importantissimo della scienza esoterica ed è la Merkabah, nome secondo la scienza esoterica egizia o Merkavah, nome secondo la cabala ebraica. Il termine Merkabah è composto da tre parole: Mer, Ka, Ba. Queste vengono dalla scuola esoterica dell’antico Egitto; “Mer”, indica due campi contro-rotanti di energia-luce che avvolgono il corpo umano. “Ka”, indica lo spirito individuale, l’intelligenza;”Ba”, indica il corpo fisico dell’uomo o la realtà fisica.

In altre realtà dove lo spirito non possiede corpo, “Ba” si riferisce a suoi concetti o alla sua interpretazione della realtà nel regno in cui si manifesta.

circulo22013

Vediamo intanto che dalla Merkabah scaturisce la stella di Davide, fatto che non deve sorprendere. Ricorda il lungo periodo di schiavitù in Egitto, degli ebrei. Periodo in cui i saggi del popolo eletto hanno assorbito la grande conoscenza iniziatica dei sacerdoti egizi. Conoscenza che sappiamo proveniente da Atlantide.

circulo32013

La Merkabah è un corpo, un oggetto, o un’energia che trasla l’essere umano verso un livello superiore di coscienza e il significato di questo concetto, in alcuni aspetti, ha una grandissima importanza in questo tempo.
Analizzando la figura vediamo che la Merkabah, considerata nel suo aspetto tridimensionale, è composta da due Tetraedri, due piramidi a base triangolare equilatera, composizione che è chiamata anche “Stella Tetraedrica”.

I cinque solidi Platonici rappresentano i cinque componenti fondamentali della creazione secondo la concezione antica, essi sono: il Tetraedro il fuoco, l’Esaedro (Cubo) la terra, l’Ottaedro l’aria, il Dodecaedro l’Etere, l’Icosaedro (20 facce) l’acqua. L’etere non è ancora contemplato dalla scienza moderna anche se in realtà, Nicola Tesla, il grande scienziato padre della moderna civiltà tecnologica, ne parlava come di una energia reale.

circulo42013

Ovviamente anche la stella tetraedrica formata, da due tetraedri, è legata al fuoco cioè all’energia.Questo fatto non è una mera speculazione filosofica ma sottende una conoscenza scientifica ancora ignorata dalla scienza umana.

Con effetti su scala Macrocosmica e Microcosmica. Inserendo la stella tetraedrica dentro ad una sfera le punte dei tetraedri toccano la sfera a 19.5° rispetto all’equatore.

circulo52013

Geometricamente parlando, 19.5° è il grado al quale si manifesta il passaggio energetico interdimensionale.

Questo fatto provoca nei pianeti particolari ripercussioni sul piano fisico.

circulo62013

Infatti a 19.5 °, su Nettuno, abbiamo la grande macchia scura e su Saturno a 19.5°, abbiamo anomale emissioni di raggi x.

circulo72013

Ancora su Saturno a 19.5° c’è la grande macchia bianca nell’emisfero nord.

circulo82013

Su Giove, a 19.5 °, abbiamo una delle sue Lune e la grande macchia rossa.

circulo92013

Su Marte abbiamo il grande vulcano Olimpus, il vulcano più grande di tutto il sistema solare, e dall’altra parte troviamo la città di Cydonia.

circulo102013

Sulla Terra a 19.5° abbiamo la fascia di vulcani, anche il Popocatlepetl che è una porta dimensionale, dove tra il 2012 e il 2013, cìè stato un grande incremento della presenza UFO.

circulo112013

A questa angolazione abbiamo anche due importantissimi punti che sono il Triangolo del Diavolo, vicino al Giappone, e il Triangolo delle Bermuda dove inspiegabilmente spariscono oggetti, navi, aerei, persone e così via. Quindi è un punto di collegamento tra la dimensione tridimensionale e la dimensione superiore. Questo lo vediamo con ancora maggiore e straordinaria chiarezza, se prendiamo in esame la nostra stella, il Sole.

circulo122013

Le esplosioni solari, soprattutto in questi ultimi anni, stanno avvenendo soprattutto a 19.5° Nord e Sud. Vediamo il Sole del Novembre del ’98 e il Sole di meno di due anni fa, Ottobre 2012 aprile del 2013. Questo significa che il Sole sta connettendo la nostra dimensione con la dimensione superiore, la sta trasformando ed elevando di frequenza.

Quindi stanno avvenendo fatti che gli scienziati conoscono benissimo e che i fratelli della luce (extraterrestri) ci hanno anticipato anni e anni fa. Fatti che riguardano non solo il nostro piccolo pianeta, ma tutto il sistema solare. In realtà il cambio climatico dipende dal Sole, è solamente amplificato e messo in maggiore squilibrio dalle dissennate attività umane. Possiamo confermare tutto questo verificando che l’aumento delle temperature globali e il grafico dell’andamento dell’attività solare, sono quasi sovrapponibili, quindi è il Sole il principale responsabile del cambio climatico.

tablas

E’ vero che l’emissione dei gas serra ha peggiorato e squilibrato ulteriormente questa situazione, ma è il Sole la causa primaria di questi mutamenti e lo vediamo analizzando quanto sta accadendo anche negli altri pianeti del sistema solare.

circulo142013

Su Giove abbiamo un aumento della turbolenza atmosferica e oggi si vedono sulla sua superficie tre macchie rosse, non più solo una, che sono delle gigantesche tempeste più grandi del pianeta Terra. Sul Polo Nord di Saturno si è sviluppata una gigantesca tempesta, grande due volte la terra, di forma esagonale.

circulo152013

L’ acqua di Marte si sta sciogliendo. Il cambio stagionale del Polo Nord Marziano ha raggiunto livelli mai visti prima.  

circulo162013

Sempre su Nettuno abbiamo avuto un grande incremento della luminosità dell’atmosfera del Pianeta.

Anche la superficie di Plutone sta avendo profondi cambiamenti che stupiscono gli scienziati.

circulo172013

Nel Polo Sud di Venere si sono formati dei vortici atmosferici che hanno raggiunto una enorme intensità.

circulo182013

Sulla Terra è stata rilevata una forte anomalia ionosferica sopra l’India nel mese di marzo 2013. Da tutti questi dati vediamo con chiarezza che è reale, anche se occultato dai media, un incremento energetico impressionante in tutto il sistema solare. Questo è un altro degli eventi che ci avevano profetizzato i Maya che hanno predetto che in questo tempo il Sole avrebbe “parlato”, cioè avrebbe manifestato con chiarezza la sua potenza. I mutamenti provocati dal Sole non si esauriscono a quanto ho appena spiegato. Sempre dai cerchi nel grano, ci è arrivata l’informazione che il Sole avrebbe modificato anche la genetica dell’uomo, il suo DNA. Lo abbiamo dedotto con chiarezza da due magnifici pittogrammi apparsi rispettivamente il 4 luglio e il 28 agosto 2002. Entrambe le figure rappresentano la nostra stella con i raggi a forma di doppia elica del DNA. Nella figura del 28 agosto questo è maggiormente evidente.

circulo192013

Questo è un altro fatto perfettamente a conoscenza degli scienziati, ma non solo, l’attività solare influenza anche la nostra psiche e la nostra spiritualità. Il professore tedesco Dieter Broers ha fatto degli studi importantissimi in questi settori, studi talmente approfonditi che ha emesso decine di brevetti di macchine medicali.

circulo202013

Broers afferma che grazie a questo studio sulle emissioni  solari sono riusciti a comprendere l’azione delle frequenze sulla cellula e dice che oggi siamo in grado attraverso queste frequenze, di ridare la giusta informazione ad una cellula malata e riportarla allo stato di salute. Ha studiato con metodo scientifico le profezie Maya giungendo a risultati eclatanti e confermando quanto sia profondamente corretta la conoscenza lasciataci dai Maya sui mutamenti in atto in questo tempo. Riporto alcune sue importante affermazioni in tal senso, molto altro materiale si può trovare in rete:

Giornalista:Professor Broers, mettete il Sole in relazione con la nostra psiche. Vuole spiegarci questa relazione?


Prof. Broers: Ognuno conosce la vitalità che il Sole può provocare. Ognuno conosce il ciclo delle stagioni.

Si sa che gli stati depressivi invernali sono in relazione col Sole, la mancanza di luce. Altri cicli naturali esistono oltre a quelli annuali e il Sole attraversa processi diversi. Invia delle cariche di elettroni e di protoni che modificano il campo magnetico della terra. In questo dominio, è riconosciuto che l’influenza sui sistemi biologici è significativa.

Alcuni studi hanno stabilito chiaramente dei legami tra certe irregolarità magnetiche ed il numero di entrate in cliniche psichiatriche, di incidenti stradali o di suicidi.

Degli scienziati della NASA tra cui il professore Franz Halberg, sono riusciti a stabilire il legame diretto tra la comparsa di infarti e le modifiche magnetiche sulla terra, generate dal Sole. Si può partire dall’idea che gran parte delle nostre “malattie di civilizzazione” provengono dalle irregolarità del campo magnetico. Queste stesse modifiche del campo magnetico hanno portato, anche in modo provato, a fare sorgere delle idee geniali dall’ispirazione. Le date di creazione delle grandi sinfonie, di grandi opere poetiche e di invenzioni straordinarie sono chiaramente in relazione con esse.


Giornalista:Questi fenomeni hanno anche un’influenza sulla collettività umana?
Prof. Broers: Gli autori Adrian Gilbert e Maurice Cotterell chiariscono le relazioni tra l’ascesa e le scomparse di imperi ed i cicli solari corrispondenti. Dai babilonesi fino all’impero romano o all’epoca della cultura Maya.


Giornalista: Che cosa potete dirci sulle trasformazioni che ci aspettano?
Prof. Broers:
Il popolo del Centro-America dei Maya ci ha tramandato a questo proposito l’informazione che questa “Epoca finale” dei tempi sarebbe condotta da “una volontà cosmica.” Una sorta di raggio di sincronizzazione sarebbe diretto, proveniente dal centro della nostra via lattea, verso la nostra Terra permettendo un riallineamento della nostra umanità. I Maya sono stati capaci, con l’aiuto delle loro conoscenze astronomiche estremamente avanzate, di datare praticamente tutti gli avvenimenti importanti. I loro calcoli immortalati nello “Tzolkin”, il calendario Maya, indicano per il 2012 un ultimo processo fondamentale di trasformazione.

I Maya l’hanno descritto come “ascensione nella 5a dimensione.” Osservando il corso della nostra attuale crisi mondiale, che sembra dirigersi verso un finale monumentale, si potrebbe credere alla pertinenza della loro profezia.

Giornalista: Oltre al campo magnetico terrestre e all’irradiazione elettromagnetica solare, esistono altre sorgenti che ci influenzano?


Prof. Broers: Sì. Sono dei raggi che siamo capaci di misurare solamente da circa 15 anni. La NASA parla di avvenimenti sensazionali che sembrano praticamente identici alle informazioni trasmesse dai Maya.

Il raggio di sincronizzazione menzionato dai Maya adesso sembra essere riconosciuto dagli astrofisici. Riportano che dal centro della nostra galassia, un raggio energetico, prima non concepibile, sembra illuminare la Terra “come un faro che viene dal più profondo dello spazio.” Durante gli anni passati, l’irradiazione si è amplificata di parecchie centinaia di percentuali. Avendo studiato da circa 30 anni queste tematiche, posso confermare che assistiamo a dei cambiamenti che prima sarebbero stati inconcepibili e che si rivolgono in primo luogo al nostro stato di coscienza.


Giornalista:Che cosa dice l’astrofisica di questo strano raggio?


Prof. Broers: È un grande enigma. Torna in scena il calendario Maya.

Dice, abbastanza concretamente, ciò che avverrà alla fine dei tempi, vale a dire relativamente: molti caos sul nostro pianeta. Come già rievocato, i Maya prevedevano un nuovo orientamento dell’universo da questo raggio di sincronizzazione.
Prima di proseguire devo chiarire un fatto che potrebbe dare luogo a fraintendimenti. La mutazione dell’uomo attuata dal Sole non è passiva, noi dobbiamo partecipare aumentando la capacità del nostro sistema bio-psico-spirituale di ricevere questi stimoli attraverso le nostre azioni positive, altrimenti questo aumento energetico non trova la necessaria condizione. Come una lampadina sottoposta ad un elevato voltaggio possiamo “bruciarci”, “andare in sovraccarico” e letteralmente impazzire, se non ci adeguiamo. E’ come con la corrente tumultuosa di un fiume:se siamo a favore ci trasporta velocemente a destinazione, se andiamo controcorrente ci travolge.


Altra osservazione importante da fare è che i due cerchi nel grano che rappresentano il Sole con la doppia elica del DNA presentano sei raggi, sei braccia.

circulo212013

Non è un fatto casuale: la stella a sei punte è il monogramma di Cristo, perciò il messaggio che ci stanno dando gli extraterrestri con questi simboli è che è la causa profonda che attraverso il Sole sta trasformando il sistema solare, il pianeta Terra,  l’essere umano stesso, è divina, concetto già espresso nelle dichiarazioni del Prof. Broers.

Cioè a dire che spirito e materia sono due facce di una stessa medaglia e scienza e religione lo stesso. Quindi Dio è trascendente ma è anche manifesto attraverso la creazione materiale che viene governata da leggi eterne che hanno la causa e l’origine nel reame divino dello spirito.

Questa straordinaria conoscenza viene da quella che possiamo chiamare “scienza dello spirito”, la scienza dei mondi e dimensioni superiori di cui hanno parlato innumerevoli volte i fratelli Extraterrestri. Tra l’altro, grazie agli studi del Professor Masaru Emoto, giapponese, è stato dimostrato che se l’acqua “ascolta” la parola Cristo, il cristallo che si forma congelandola prende la forma del monogramma di Cristo.

circulo222013

Questo ci indica che gli antichi quando hanno disegnato questo simbolo, conoscevano benissimo questa scienza. Sapevano benissimo che la divinità è il cuore pulsante, la causa prima della creazione materiale e che la scienza e lo spirito non sono due cose separate in opposizione, ma sono l’una un aspetto dell’altro. Quindi oggi questa separazione deve terminare e terminerà perché, come abbiamo visto, l’intera creazione sta lavorando in tal senso. Vediamo bene a quale livello di informazione siamo arrivati partendo dalla bellissima figura della Merkabah apparsa sui campi inglesi nel luglio del 2012.

Ma non è ancora finita. Sinora abbiamo affrontato un aspetto della Merkabah, considerandola come struttura energetica che sta trasformando il sistema solare e l’uomo stesso, portandolo su un livello vibrazionale e anche di coscienza, più elevato. Andiamo ora a esaminare altri concetti posseduti dalla Merkabah sempre legati al concetto di veicolo che porta l’uomo verso un più elevato stato di vita e di coscienza. In ebraico Merkavah significa anche “carro”.

Trae origine dal versetto biblico di Ezechiele 1.1-28 dove si parla di un “carro di fuoco ed Esseri alati”.

Questo versetto se si legge con una chiave interpretativa diversa da quella tradizionale indica chiaramente il contatto con Esseri non terrestri di dimensioni superiori. Un altro versetto simile è 2Re 2-1,1 che racconta il prelevamento del profeta Elia rapito su un carro di fuoco. Il “Carro”, la Merkabah, è quindi anche un veicolo vero e proprio, costruito e manovrato da esseri di natura superiore che trasporta l’uomo su altri piani dell’esistenza e, di conseguenza, anche di coscienza.

La presenza di esseri non terrestri nella Bibbia è riportata innumerevoli volte, sono indicati genericamente con il termine di uomini, angeli o come dei. Ancora in Isaia 60, 8, il profeta di fronte a uno spettacolo per lui incomprensibile esclama: “Chi sono questi che volano come una nuvola e come colombe verso le loro colombaie?”.

circulo232013

Fortunatamente grazie alle attuali tecniche fotografiche e di videoregistrazione è oggi possibile vedere i loro volti, come sono realmente questi “uomini” e questi misteriosi “carri di fuoco”, le Merkabah, con cui viaggiano questi esseri super evoluti, descritti dagli antichi profeti.

circulo242013

Gli esseri di luce Ashtar Sheran e Adoniesis

circulo252013

         UFO che passa dallo stato materiale a quello energetico-astrale – Foto di Antonio Giannuzzi

Questo discorso potrebbe, forse, scatenare la reazione di qualche persona religiosa che potrebbe scandalizzarsi a sentir parlare di Extraterrestri nella Bibbia. Se ciò dovesse accadere voglio porre in evidenza a costoro che l’insegnamento teologico sugli Angeli presentati come esseri eterei, di puro spirito, non è assolutamente plausibile proprio in termini di racconto biblico. In Genesi 18, Abramo invita i tre uomini comparsi improvvisamente davanti a lui a sedersi all’ombra, li invita a lavarsi i piedi e gli offre del pane, da bere e da mangiare. Successivamente (Genesi 19), due di loro si recheranno a Sodoma dove verranno accolti da Lot, nipote di Abramo, ed anche lui offrirà ai due uomini un banchetto. Successivamente, non avendo i due trovato nessun giusto nella corrotta città, la distruggeranno assieme a Gomorra, dopo che i sodomiti avevano tentato di violentarli; si può immaginare che dei depravati tentino di abusare sessualmente di esseri eterei? Quindi stiamo parlando di persone concrete e dotati di un terribile potere. Da notare che in Genesi 18 questi esseri sono presentati come uomini, dopo, in Genesi 19, gli stessi sono presentati come Angeli.

Ora il termine angelo viene dal greco e significa “messaggero”, perciò gli Angeli sono uomini messaggeri, cioè uomini che portano un messaggio, un insegnamento, di ordine superiore per spingere l’uomo verso una maggiore evoluzione spirituale.

Ovviamente non voglio affermare banalmente che gli Angeli siano solo degli uomini semplicemente più avanzati tecnologicamente, astronauti provenienti da mondi lontani del cosmo, ma che si tratta di esseri di evoluzione enormemente superiore alla nostra, provenienti da realtà esistenti su piani dimensionali più elevati.

Sono loro infatti, a portare Elia in cielo con la Merkabah, il “carro di fuoco”, che lo preleva in carne e ossa, con il corpo che deve essere per forza contenuto e ospitato in un veicolo concreto. Ricordo ancora che Cristo stesso afferma che il suo Regno non è di questo mondo (Gv 18, 36) e che anche nostro Signore viene prelevato in carne ed ossa da una “nuvola” che lo nasconde agli occhi degli apostoli e dei discepoli (Atti 1, 9-11).

Nuvola da cui si affacciano due uomini che dicono a quelli che erano rimasti a terra: “Uomini di Galilea, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù, che vi è stato tolto, ed è stato elevato in cielo, ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto andare in cielo”.

Vediamo bene che anche qui si parla di uomini e non di Angeli eterei. Oltre a questo, già da anni, la Chiesa Cattolica ha avviato un processo di apertura verso la tematica extraterrestre, giudicando la credenza sull’esistenza degli Extraterrestri non contraria alla fede cattolica. Ricordo che già nel 1998 fu pubblicata una intervista a Mons.

Corrado Balducci sul quotidiano “Il Giornale” dove il prelato, tra le altre cose, affermava: “È invece ragionevole credere e affermare che gli alieni esistono. La loro esistenza non può essere negata più a lungo, perché ci sono troppe evidenze dell’esistenza degli extraterrestri e dei dischi volanti.. Fatti come l’esistenza dei dischi volanti indicano che gli alieni si sono evoluti più rapidamente degli esseri umani.

Ma anche se si scoprisse che gli extraterrestri sono in qualche modo superiori agli umani, questo non metterebbe in dubbio gli insegnamenti del Cristianesimo. Questo significa che ogni cosa nell’Universo, compresi gli extraterrestri, sono conciliabili con Dio.” E questa è solo una delle numerose dichiarazioni che Mons. Balducci ha rilasciato sulla sua ferrea certezza che il fenomeno UFO è reale, è di origine Extraterrestre, pacifico e non aggressivo e teologicamente coerente con la fede cattolica.


Successivamente, nel 2005, un esponente dell’ordine dei gesuiti, Padre Guy Consolmagno, astronomo della Specola Vaticana, uno scienziato che è la più grande autorità mondiale nello studio delle meteore, pubblicò un piccolo volume tascabile intitolato “Intelligent Life in the Universe? Catholic Belief and the Search for Extraterrestrial Intelligent Life” (“Vita Intelligente nell’Universo? Fede cattolica e la ricerca di Vita Intelligente Extraterrestre”) edito dalla “Catholic Truth Society”, un gruppo cattolico inglese. Lo scienziato in questo testo afferma di credere agli extraterrestri e spiega che ciò non è una scelta incompatibile con la fede.

circulo262013circulo272013

circulo282013

Foto n°1 Mons. Corrado Balducci  

Foton°2 Padre Guy Consolmagno

Il libro di Padre G. Consolmagno

Nonostante il testo fosse disponibile solo in lingua inglese il giornale “La Stampa” lo recensì in un articolo del vaticanista Marco Tosatti, intitolato “Il gesuita astronomo crede agli extraterrestri”. Questa una delle affermazioni di Consolmagno riportate nell’articolo: “Un universo senza limiti potrebbe includere altri pianeti con altri esseri creati dallo stesso Dio di amore. L’idea che ci siano altre razze e altre intelligenze non è contraria al pensiero tradizionale cristiano.” Sempre Consolmagno nel 2007, rilascia una nuova intervista, ancora sugli ET, dove sono presenti affermazioni teologicamente ancora più forti: “L’idea che ci siano altre razze e altre intelligenze oltre quelle terrestri, non è contraria al pensiero tradizionale cristiano.

Lo studio dell’universo è una meravigliosa avventura che riempie di stupore di fronte a ciò che Dio ha creato… Non possiamo pensare che Dio sia così limitato da creare solo sulla Terra. E l’universo potrebbe benissimo contenere altri mondi con esseri creati dallo Suo stesso Amore. Siamo tutti creature di Dio.

Qualsiasi soggetto che è in grado di essere consapevole di sé e dell’esistenza degli altri, e che è libero di scegliere di amare gli altri o di rifiutarli, secondo san Tommaso d’Aquino avrebbe i tratti dell’animo umano, cioè fatto “a immagine e somiglianza di Dio”. Quindi, se gli extraterrestri avessero queste caratteristiche di “intelligenza” e di “libero arbitrio”, non solo sarebbero nostri fratelli ma condividerebbero con noi la stessa “immagine e somiglianza” con Dio stesso.”  

circulo292013circulo302013

Padre Gabriel Josè FunesFrontespizio dell’articolo con l’intervista a Padre Funes

A queste affermazioni fa eco l’anno dopo, il nuovo direttore della Specola Vaticana, il Padre gesuita José Gabriel Funes, che rilascia dichiarazioni ancora più forti di Consolmagno, che hanno fatto scalpore in tutto il mondo.

(http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/interviste/2008/112q08a1.html)

Ne riporto uno dei passi più interessanti dal punto di vista teologico e filosofico:
“Come esiste una molteplicità di creature sulla Terra, così potrebbero esserci altri esseri, anche intelligenti, creati da Dio. Questo non contrasta con la nostra fede, perché non possiamo porre limiti alla libertà creatrice di Dio.

Per dirla con San Francesco, se consideriamo le creature terrene come “fratello” e “sorella”, perché non potremmo parlare anche di un “fratello extraterrestre”? Farebbe parte comunque della creazione. Prendiamo in prestito l’immagine evangelica della pecora smarrita.

Il pastore lascia le novantanove nell’ovile per andare a cercare quella che si è persa. Pensiamo che in questo universo possano esserci cento pecore, corrispondenti a diverse forme di creature. Noi che apparteniamo al genere umano potremmo essere proprio la pecora smarrita, i peccatori che hanno bisogno del pastore.

Dio si è fatto uomo in Gesù per salvarci. Così, se anche esistessero altri esseri intelligenti, non è detto che essi debbano aver bisogno della redenzione. Potrebbero essere rimasti nell’amicizia piena con il loro Creatore.”

Desidero ripetere, per metterla in grande evidenza e commentarle, le ultimi frasi di Padre Gabriel Funes: “Noi che apparteniamo al genere umano potremmo essere proprio la pecora smarrita, i peccatori che hanno bisogno del pastore. Dio si è fatto uomo in Gesù per salvarci. Così, se anche esistessero altri esseri intelligenti, non è detto che essi debbano aver bisogno della redenzione. Potrebbero essere rimasti nell’amicizia piena con il loro Creatore.”
Ma nella Bibbia non si parla di uomini Angeli? Non sono gli Angeli esseri puri che non avendo peccati sono più vicini a Dio? Gli Angeli vengono a noi per portarci un messaggio salvifico, sono messaggeri di un discorso etico e spirituale di ordine superiore, affinché anche noi peccatori ritroviamo la pace, l’amicizia e la vicinanza con il creatore. Allora vediamo bene che rimettendo ordine nei nostri pensieri, informandoci correttamente sui fatti che accadono, analizzando con mente aperta e fuori dai dogmi rigidi e stereotipati, frutto del fanatismo e dell’ignoranza, le informazioni e le affermazioni di importanti uomini di chiesa, i risultati delle indagini serie sugli UFO e quanto scritto nella Bibbia, si compone un quadro armonico e coerente che ci conduce alla corretta visione di questi elementi, a conclusioni concordanti in tutti i loro aspetti che soddisfano pienamente scienza e fede.

E questo mettendo in risalto che abbiamo messo in campo solo una piccola quantità delle informazioni oggi disponibili a sostegno del risultato che abbiamo ottenuto: gli Angeli di ieri sono gli Extraterrestri di oggi, con tutto quello che ne consegue.
Per chiudere questo argomento sulla reale natura degli esseri Extraterrestri che ci visitano voglio descrivere uno straordinario documento desecretato relativamente di recente dall’FBI statunitense.

La notissima agenzia federale della polizia americana ha aperto nel 2011, un sito web il cui nome è tutto un programma, si chiama “The Vault” (http://vault.fbi.gov/) parola che significa “caveau” o “cripta”. Si tratta di una camera di lettura elettronica dove l’FBI ha reso disponibili numerosissimi documenti desecretati, circa 6700, su svariati temi tra cui gli Oggetti Volanti Non Identificati, gli UFO.

Da questo straordinario archivio sono emerse numerose conferme sconcertanti come informative che parlano di altri crash di UFO avvenuti dopo Roswell e a tutt’oggi del tutto sconosciuti se non fosse per la pubblicazione di questi documenti,. Ma il documento che voglio analizzare e mettere in evidenza è un memorandum sulla reale natura degli Extraterrestri che ci visitano, datato 8 luglio 1947.

circulo312013

l memo è indirizzato particolarmente ad alcuni scienziati e funzionari pubblici che ricoprono attività di rilievo nel campo dell’aviazione e militare, e coinvolge anche alcune pubblicazioni. L’autore di questa nota è laureato in varie discipline ed è stato responsabile di una facoltà universitaria. L’autore del memo spiega che “qualora si decidesse di attaccare queste astronavi bisogna essere consapevoli che quasi certamente il velivolo che ha attaccato verrà distrutto”. Tutto ciò potrebbe portare panico tra la popolazione. Altri aspetti importanti descrivono nello specifico il tipo di natura degli ufo e dei loro occupanti.


Ecco le spiegazioni presenti nel documento:


1-Parte dei dischi volanti possiedono equipaggio mentre altri sono sotto controllo remoto.
2-La loro missione è di pace. Essi contemplano sull’assestamento di questo piano.
3-Questi visitatori sono simili agli umani ma presentano un aspetto molto più grande in quanto a dimensioni.


4-Non sono persone disincarnate del pianeta Terra, essi provengono dal loro mondo.
5-Essi non provengono da altri “pianeti” così come noi lo intendiamo, ma da un pianeta eterico “compenetrato” con il nostro e non percettibile da noi.
6-I corpi dei visitatori e le navi, si materializzano automaticamente all’entrata nella nostra frequenza vibratoria e nella nostra densa materia. (Vedi “apporti”)
7-I dischi volanti possiedono una sorta di energia radiante, o un raggio, che può facilmente neutralizzare qualsiasi attacco avversario.

Essi inoltre possono rientrare dentro il piano eterico e sparire facilmente dalla nostra vista senza lasciare traccia.

8-La regione da cui provengono non è il “piano astrale”, ma corrisponde al LOKAS e al TALAS (gli studenti di esoterismo capiranno meglio questi termini)
9-Probabilmente non possono essere raggiunto via radio, ma probabilmente può esserlo dai radar, se si crea un sistema di segnale a cui corrisponda quel tipo di “apparato”.
Questi “piatti” sono di forma ovale e sono composti da un metallo o una lega resistente al calore, che tutt’oggi è sconosciuta. Di fronte a questo piatto vi è un pannello di controllo. Il retro contiene gli armamenti, che consistono essenzialmente in un dispositivo di energia e da cui può essere generato un fascio in caso di emergenza.

Devo dire che appena sono venuto a conoscenza di questo documento sono rimasto sconcertato e scandalizzato.

La data del documento è l’8 luglio 1947. Solo da pochi giorni, il 24 giugno 1947, sui media mondiali di allora era uscita la notizia dell’avvistamento di 9 dischi volanti da parte del pilota civile Kenneth Arnold e quello stesso giorno, l’8 luglio 1947, esce il quotidiano “Roswell Daily Record”, con la notizia del ritrovamento del disco volante precipitato nei pressi della cittadina del Nuovo Messico.

L’ufologia moderna stava facendo appena i primissimi timidi passi. Non esisteva ancora nessun ricercatore UFO, non esistevano ancora su questo argomento libri, pubblicazioni, trasmissioni televisive, programmi radio, ricercatori, ufologi e, tanto meno, contattisti che potevano aver ispirato e consigliato con i loro comunicati l’autore di questo memorandum… nulla non c’era assolutamente nulla, e già le agenzie di intelligence, i militari e vari scienziati, avevano capito tutto, sapevano tutto sulla reale natura di questa visita cosmica.

Abbiamo subito e continuiamo a subire la più criminale azione di occultamento e menzogna della storia dell’umanità. Se il potere avesse aperto a questi esseri, se li avessero accettati, se avessero permesso all’umanità di sapere, di decidere, di scegliere, quanta sofferenza, quante morti, quanti disastri ci saremmo risparmiati… i bambini, quale futuro radioso e felice avremmo donato loro… Ora non saremmo certamente in questa terribile situazione nella quale ci troviamo.

La brama di potere di questi uomini, il loro egoismo mostruoso e la complicità delle masse indifferenti e passive, ci ha impedito e derubato dell’evento più grande e salvifico dopo la venuta di Nostro Signore Gesù Cristo.

Una umanità persa e un pianeta distrutto a causa della tremenda cecità e stupidità umana. Ne risponderemo davanti a Dio e, vi giuro, non vorrei trovarmi nei panni di tutti coloro che sono complici e colpevoli di questo terribile crimine.

La Merkabah apparsa sui campi inglesi, ennesima espressione della sacra bellezza del fenomeno dei cerchi nel grano, ancora una volta, ci ha dischiuso uno scenario terribile ma anche affascinante, lasciandoci un messaggio che ci conferma che è in atto una grande trasformazione, che l’energia cosmica e i veicoli con gli esseri cosmici che ci visitano, stanno portando su un livello superiore di realtà e di coscienza, l’intero sistema solare e tutti coloro che stanno lavorando per un mondo migliore, più giusto, più saggio.

Perciò, nonostante tutto, non tutto è perduto e questi angelici viaggiatori del cosmo sono ancora qui, aspettano, seguono, ispirano e aiutano, tutti coloro che hanno desiderio di incarnare e rendere concreto il sogno di Giordano Bruno, la nascita dell’Homo Novus, l’uomo cosmico che, alla fine, anche il pianeta Terra partorirà.

Di Piergiorgio Caria

Il Sole ha invertito i poli magnetici

imagesIl campo magnetico solare ha completamente invertito la sua polarità.

La Nasa ha confermato che il Sole ha invertito il polo nord con il polo sud.

I campi magneti ora si muovono nelle direzioni opposte, per completare il lungo processo di 22 anni che raggiungerà l’apice con una nuova inversione dei poli.

Una inversione del campo magnetico del sole è, letteralmente un grande evento, ha commentato Tony Philips, scienziato della Nasa.

Il dominio di influenza magnetica del sole, noto anche come eliosfera, si estende per miliardi di chilometri al di là di Plutone. Per celebrare l’evento, la NASA ha rilasciato una visualizzazione di tutto il processo.

All’inizio, nel 1997 come mostra il video sotto, il ciclo solare aveva polarità positiva sulla parte superiore evidenziato da linee verdi, mentre la polarità negativa era sul fondo evidenziato con le linee viola.

Ciascuna serie di linee si è mossa gradualmente verso il polo opposto, completando il ciclo precedente del sole.

Al culmine di ogni vibrazione magnetica, il sole passa attraverso periodi di maggiore attività solare, durante i quali ci sono più macchie solari, e più eventi eruttivi come brillamenti solari ed espulsioni di massa coronale.

I cambiamenti della polarità magnetica si estendono in tutto lo spazio, dovuti all’influenza magnetica del Sole, si estendono per miliardi di chilometri oltre il pianeta Plutone.

Le conseguenze per la Terra saranno un aumento esponenziale delle attività vulcaniche e sismiche. Molti eventi sono già in atto.

Tutti questi avvenimenti cosmici non faranno altro che accelerare il cambiamento del nostro meraviglioso pianeta, umanità compresa!

Cerchiamo sempre di stare collegati ai segni che il nostro tempo sta partorendo continuamente. In Italia abbiamo molti luoghi critici dove gli elementi della natura potrebbero riversare le loro potenti energie. Anche questi sono eventi che testimonieranno che la Terra vive e che non è più disposta a farsi ferire ed oltraggiare ancora.

Presto ci dovremo occupare anche della potenza di fuoco dei maggiori vulcani Italiani. Come disse Ermete Trismegisto, tutto ciò che accade in alto crea sempre degli effetti in basso. E se per alto intendiamo l’universo, sicuramente dobbiamo considerare che ogni movimento celeste crea movimenti planetari.

LA COMETA ISON

photo ison La cometa ISON, è nota come C/2012 S1 è stata scoperta nel settembre 2012 quindi molto di recente, dagli astronomi russi Artyom Novichonok e Vitali Nevski, utilizzando i dati dell’ Optical Network scientifico internazionale (ISON).

Misure preliminari dalle immagini di Hubble suggeriscono che, il nucleo di ISON è di circa 2-3 km, le dimensione di una piccola montagna.

Hanno stimato che ISON emette 1.000.000 kg di anidride carbonica più 54,4 milioni di kg di polvere ogni giorno.

I mezzi di disinformazione mediatici, come al solito, si occupano del nulla, e si guardano bene dal parlare di questa cometa, mentre molte persone fanno domande al riguardo.

ISON si è quasi scontrata con Marte, mai prima d’ora si è vista una cometa di tale portata, arrivare così vicina alla collisione con un pianeta del nostro Sistema Solare. Eventi come questo non sono molto comuni.

Qui di seguito c’è uno schema della cometa ISON, che arriverà circa 64 milioni di Km dalla Terra alla fine di dicembre.

01

Secondo  la scienza umana la cometa ISON avrebbe percorso una rotta suicida, per la logica divina ISON invece ha depositato materiale genetico sul nostro astro.

La cometa ha consegnato parte della sua materia ed energia al sole il 28 Novembre scorso, giorno in cui ha raggiunto il perielio (la distanza più vicina dal Sole). Il suo lavoro, però non è ancora terminato. Infatti, intorno all’inizio del mese di Gennaio 2014 è probabile che assisteremo ad una pioggia di meteoriti provocati proprio da ISON.

La sua coda gigante sviluppa più di 100.000 chili di polveri, che fuoriescono ogni minuto, e potrebbero effettivamente colpire il nostro pianeta, secondo quello che riferisce la NASA.

Ma non è tutto perché il passaggio dei resti della cometa coinciderà con un evento cosmico molto importante per il nostro Sistema Solare ovvero l’allineamento del nostro Sole con i pianeti Mercurio, Venere, Terra, Giove e Plutone. Questo accadrà esattamente il 4 Gennaio 2014.

Il lavoro di ISON consiste anche nel trasmettere ai pianeti interessati informazioni genetico evolutive utili all’espansione del Sistema Solare.

Staremo a vedere nel tempo questo cosa comporterà per la Terra. Gli allineamenti, le congiunzioni e i transiti dei pianeti spesso creano fenomeni particolari sui pianeti interessati.

Una cosa che possiamo aspettarci sicuramente sono ancora più cambiamenti climatici.

Che ci crediate o no, corpi massicci che volano dentro e intorno al nostro sistema solare hanno un effetto sul clima di tutti i pianeti del nostro sistema solare.

Ormai è ben documentato l’effetto che l’attività solare ha sul tempo qui sulla Terra, l’attività delle comete hanno una diretta influenza sul tempo solare.

Nelle quattro settimane appena passate, abbiamo avuto tre eruzioni solari di proporzioni giganti, incluse in un totale di 28 eruzioni di entità minore.

Interessante è che gli scienziati hanno scoperto che le code delle comete sono influenzate dal campo magnetico del sole.

“Capire i sistemi magnetici è una parte cruciale della ricerca spaziale, come lo studio dell’energia magnetica che viene convertita in gigantesche esplosioni sul sole, chiamati brillamenti solari o espulsioni di massa coronale.”

I risultati della ricerca presentati all’American Geophysical Union nel 2012, illustrano ed evidenziano come le comete, intensificano la dinamica dell’atmosfera solare. Come risultato, esse hanno un effetto diretto sul clima di tutti i pianeti del nostro sistema solare, per non parlare poi dell’effetto sul campo magnetico terrestre.

Un colpo diretto sulla Terra di questi brillamenti Solari, potrebbero mettere fuori uso l’intera rete elettronica per almeno 5-10 anni. La questione è che, se qualcosa dovesse accadere nei prossimi mesi, sarebbe comunque un evento di cui la razza umana ha bisogno per evolvere.

Ultimamente, abbiamo avuto alcuni terremoti piuttosto forti, che potrebbero avere qualcosa a che fare con ISON così come l’attività solare. Oggi Terremoti di tale portata possono sembrare la normalità, come fosse ormai abitudine, per questo ne sentiamo parlare poco.

Il clima del nostro pianeta, e il tempo del nostro sistema solare sembrano essere in coincidenza con il massiccio spostamento di coscienza che sta avvenendo.

La fisica quantistica sta facendo luce su come la coscienza può avere un effetto diretto sul nostro mondo materiale fisico, cosa da prendere seriamente in considerazione. L’essere umano ha in se la capacità di cambiare, o anche ridurre gli effetti di qualsiasi potenziale cataclisma in arrivo che potrebbe avvenire, attraverso le proprie scelte.

Ecco perché è importante prendere coscienza, così possiamo cominciare a cambiare le cose.

—————————————————————-

Elenco degli ultimi terremoti

7.7 E di Khash, Iran
7.2 in Kuril’sk, Russia

• 7.4 SW di Vaini, Tonga
• 8.3 Mare di Okhotsk
• 7.3 115.km ENE di Taron, Papua Nuova Guinea
• 7.3 nelle Isole South Sandwich
• 7.0 SW di Atka, Alaska
• 7.7 63 km a NNE di Awaran, Pakistan
• 7.1 5k SE di Sagbayan, Filippine
• 7.1 al largo della costa orientale di Honshu, Giappone

Sta diventando sempre più chiaro che la maggior parte dei mezzi tradizionali di comunicazione dei media, è altamente controllata e manipolata.

Abbiamo sentito poche informazioni riguardanti la cometa ISON, è lecito quindi  ritenere che tutto ciò che ci viene detto e soprattutto quello che “non viene detto” per quanto riguarda gli “affari spaziali”, non corrisponde a verità.

Uno dei tanti esempi sono le recenti ammissioni di Edward Snowden che hanno fatto luce sul budget nero e come migliaia di miliardi di dollari l’anno vengono spesi su progetti di cui non si sa nulla .

Sempre più persone sul pianeta sono consce all’idea che non tutto è come sembra, o come ci viene detto, mentre si continuano a scoprire le bugie, che i governi ci hanno detto su tanti e diversi livelli, cominciamo ad aprire ora le coscienze, fino ad arrivare ad un livello di consapevolezza tale, che sino a qualche tempo fa,  si poteva  solo immaginare.

photo ison

La NASA NON da “mai una risposta diretta” alle domande che gli vengono fatte, mentre la Cometa ISON continua il suo percorso, possiamo essere del tutto sicuri che si tratti solo di una cometa?

La foto sopra lascia molti dubbi al riguardo, ed è diventata molto popolare in rete.

La cometa si compone di tre oggetti, piuttosto che un solo nucleo solitario, contrariamente a quanto sostengono gli astronomi della NASA. La foto è stata scattata dal telescopio spaziale Hubble il 30 Aprile 2013.

Questa è la ragione per cui dobbiamo ipotizzare che ciò che ci è stato sempre detto non è la verità.

Secondo molti ricercatori, aggiungo di buon senso, le immagini parlano chiaro!

La Cometa ISON viene scortata da due Navi extraterrestri, o Navi di Luce, sembra infatti che non ci siano dubbi su questo.

Gli ET, come a molti piace chiamarli, stanno forse guidando la cometa verso una destinazione sconosciuta in modo da evitare un impatto con la Terra o per altri motivi?

ufo-cometa-ison339-Aug.-31-15.12-300x246

I media del mainstream ovviamente hanno immediatamente scansato questa idea, fornendo subito una spiegazione. Ti sembra solo una cometa? Si tratta solo di effettuare i collegamenti, con il pensiero critico e interrogarsi.

Albert Einstein una volta disse che “chi condanna senza indagini è al massimo dell’ignoranza.”

Molti hanno immediatamente criticato questa possibilità, senza aver indagato su comete precedenti, sul fenomeno UFO e altro ancora. Vi è abbondante evidenza sul presupposto che questo è un oggetto controllato in modo intelligente. Cometa Ison con Astronavi a sigaro 0926d9ca 567 col pr con2   081842ed72b79c4128762b9b

La foto qui sopra scattata da Hubble lo dimostra, come afferma un ex contractor della NASA e NSA, affermando che questi sono oggetti controllati in modo intelligente.

 Sappiamo da precedenti eventi, che ci sono spesso molti “dettagli” lasciati fuori dalla storia ufficiale.

Allo stesso tempo, c’è  una grande quantità di prove che illustrano come i governi hanno mentito di volta in volta in questioni sia di questo mondo, che fuori di questo mondo. Un grande esempio è il tema degli UFO, che sono stati declassificati solo ora, dopo 70 anni di silenzio, da parte di decine di governi, dagli alti ranghi, e personaggi politici, militari in tutto il mondo.

La cometa ISON è molto di più di una cometa accompagnata da UFO. Può sembrare incredibile, ma è  sicuramente così, e qualcosa di più vale la pena capire, come vado a spiegare nel resto di questo articolo.

————————————————————————-

Un Enorme Passaggio sta per avvenire

Quello che spiegherò di seguito è quanto risulta dalle mie ricerche personali.

Le comete in realtà sono zoidi cosmici e rivestono un ruolo primario nella formazione di un sistema solare, così come riferiscono gli esseri di luce, che molti definiscono alieni.  Le comete fecondano le supernove, come fosse un ovulo cosmico, trasmettendo informazioni utili per lo sviluppo di tutta la vita del sistema solare.

Una cometa può contenere molte ed infinite informazioni che al momento opportuno rilascia sugli astri e sui pianeti che a loro volta elaborano queste informazioni, e rendono possibile lo sviluppo e l’evoluzione della vita nelle molteplici dimensioni spazio temporali. Nello zoide cosmico (Cometa) risiede l’atomo d’idrogeno, codice primario e causa della luce creante, ciò che istruisce e struttura l’atomo di idrogeno è lo Spirito del Cosmo stesso visibile, che determina lo spazio-tempo.

L’atomo di idrogeno è la forza divina che permette il continuo divenire delle cose e la causa dell’onniscenza dello Spirito Creante poiché in esso risiede come forza divina.

L’influenza periodica della cometa all’interno del sistema solare, attraverso il Sole, permette e consente all’intera macromolecola di viaggiare nelle dimensioni spazio tempo in continua evoluzione. Dio, intelligenza del tutto, del manifestato e dell’immanifestato, esprime se stesso secondo i suoi bisogni, onnipresente poiché è in ogni cosa, in ogni atomo. Egli è la causa prima di tutti gli effetti, poiché è l’origine del suo stesso principio. Tutto, umanità compresa, è programmato e tutto è in funzione del suo eterno divenire. L’onniscenza è completa conoscenza di ogni sua particolare funzione su tutti i piani dimensionali.

Microcosmo e macrocosmo si esprimono nella medesima legge, cambia solo la dimensione, ma non la sostanza, questa analogia è determinante per capire quanto Ermete Trismegisto affermò: “COME E’ AL DI SOPRA, COSI’ E’ AL DI SOTTO; COME E’ SOTTO, COSI’ E’ SOPRA”.

Dunque Grandi eventi di natura cosmica sono in piena manifestazione ed avranno ripercussioni anche sul nostro pianeta. Comete, asteroidi, onde cosmiche e tempeste solari favoriranno il cambio dimensionale e innesteranno nelle matrici eteriche di tutti gli esseri viventi nuove e potenti informazioni divine capaci di trasformare ogni cosa cominciando dal DNA. Se questi avvenimenti troveranno una umanità in sintonia con le perfette leggi della creazione, il cambio dimensionale sarà indolore, altrimenti la nostra ascensione sarà caratterizzata da circostanze molto forti in grado di ristabilire l’equilibrio perduto.

L’Intelligenza Universale che chiamiamo Dio ha i suoi strumenti per mantenere forza ed armonia nella creazione, la scienza umana non deve sottovalutare i poteri illimitati che dominano le forze elementali della Creazione. Il Pianeta Terra fibrilla e vibra del vento del cambiamento. Un Vento così forte che smuove ogni forma di attaccamento. In molti si sentono stanchi e spossati, in verità è la Madre Terra che fibrilla e Chiama! Ancora una volta ci saranno grandi Segni.

Fenomeni climatici/terrestri e grandi prove Celesti della visita Extra-terrestre sulla Terra. Esseri Cosmici vegliano su di noi dall’ eternità e ora, nel Tempo dei Tempi, sono tornati e si manifesteranno visivamente per glorificare il Ritorno del Cristos in mezzo a noi!

I fuochi nei Cieli, chiamati meteoriti e osservati in più punti del pianeta Terra annunciano il Ritorno del Cristo. Re Magi della nuova Era .. portano speranza poiché a molti sarà dato di vedere la Luce e scegliere l’ Amore e la tolleranza prima che il Tempo dei Tempi sia compiuto.

L’ Evento Celeste che si prepara è un evento di forte amore e luce, le stelle cadranno dal cielo, (Giovanni-Apocalisse) ossia le navi di luce si mostreranno a tutta l’umanità scendendo dal cielo e l’ uomo avrà la certezza di non essere solo in questo pianeta, accompagnato da sempre da esseri di incommensurabile amore, esseri supremi che ci hanno creato a loro immagine e somiglianza, gli Angeli.

Non c’è da aver paura, al contrario, assecondiamo il cambiamento che già da molto anni è in atto, liberiamo in nostri cuori e quelli di tutte le anime intorno a noi, compiamo opere di amore, ecco come prepararci al passaggio di Luce del Pianeta !

La nuova Era sarà all’insegna dell’Amore, della Pace interiore e esteriore. Il discernimento o libero arbitrio farà si che alcuni parteciperanno a tale benefico cambiamento e altri, ancora bisognosi di sperimentare istinti distruttivi, andranno in altri mondi compatibili con il loro processo evolutivo

E’ in atto una trasformazione planetaria senza precedenti, che ci condurrà su un livello di coscienza superiore, più consapevole ed autentico. Siamo in procinto di superare la fase storica stagnante e pericolosa per abbracciare una era dove condivisione, sviluppo e benessere collettivo non saranno più solo ideali irraggiungibili ma fondamenti su cui si baserà una nuova società fondata sulla cooperazione e l’unione.

Pace a Amore

Franco Andres

STRANE EMISSIONI DAL SOLE

Ricercatori da mesi sono presi dalla paura pensando alle tempeste solari in arrivo. Alcuni hanno predetto degli tsunami solari devastanti che potrebbero portar via la nostra avanzata tecnologia, altri danno voce ad avvertimenti sul fatto che violente esplosioni sulla superficie del sole, potrebbero raggiungere la Terra, aprire una breccia nel nostro campo magnetico ed esporci a miliardi di intensi raggi X ed altre forme mortali di radiazioni che possono causare cancro

.Ora è emersa la prova che qualcosa di potenzialmente più dannoso sta accadendo nelle profondità del nucleo della nostra stella dispensatrice di vita: particelle mai viste prima, vengono sparate fuori dal sole e stanno colpendo la Terra.

Qualsiasi cosa sia, l’evidenza dice che sta influenazando tutta la materia. Negli anni scorsi, dei fisici allarmati si sono resi conto per la prima volta di questa minaccia. Inizialmente fu liquidata come una anomalia ora invece alcuni scienziati,stanno rimbalzando email ai loro colleghi in tutto il mondo,nel tentativo di afferrare esattamente cosa stia succedendo sul sole.E’ accaduto qualcosa di praticamente impossibile. Ma è quel “praticamente” che poi è stato dimostrato che essere vero.

I laboratori su tutto il globo hanno confermato che il tasso di decadimento della radioattività,che una volta era una costante ed una roccaforte della scienza,non è più una costante.

Qualcosa che viene emesso dal sole sta interagendo con la materia in modi strani e sconosciuti ed ha la sorprendente potenzialità di cambiare enormemente la natura della Terra stessa. Quel che esattamente sta innervosendo gli scienziati è il fatto che il tasso naturale di decadimento radioattivo delle particelle atomiche è stato sempre prevedibile. Infatti usare il tasso di decadimento del carbonio 14 è stato un metodo per datare archeologicamente gli oggetti, Il tasso di decadimento sembra accelerato

Il peggio è che se i tassi di decadimento della materia stanno cambiando, allora tutta la materia sulla Terra ne viene influenzata, incluso la materia che costituisce la vita. La mutazione può avanzare cosi tanto da cambiare la realtà alla base dell’universo quantistico,e di conseguenza, la natura della vita, alcuni principi della fisica e forse persino il flusso uniforme del tempo.

Infatti l’evidenza vuole che il tempo si dilati e ci si è giunti dopo attenta osservazione del tasso di decadimento. Se le particelle che interagiscono con la materia non sono la causa,e la materia è influenzata da una nuova forza di natura,allora il tempo stesso può essere in accelerata e non c’è modo di fermarlo, sono i neutrini la causa? I ricercatori hanno correlato le anomalie nel tasso di decadimento ad un periodo di 33 giorni,il concetto di questo tempo corrisponde alla rotazione del nucleo solare, di 33 giorni appunto, una tale corrispondenza non può essere una coincidenza da creduloni.

È noto che il nucleo del sole produce continuamente esplosioni di correnti di particelle chiamate neutrini, alcuni scienziati stanno tentando di trovare prova che i neutrini siano i principali responsabili dietro la mutazione della materia. Ma c’è un problema con questa ipotesi, poiché i neutrini sono come particelle fantasma,è estremamente difficile intercettarle,normalmente i neutrini passano attraverso la Terra senza interagire con essa, per un neutrino la Terra non esiste.

A meno di non scoprire una proprietà del neutrino sconosciuta fino ad ora, o trovare una nuova particella, esiste la possibilità che non ci siano particelle dietro i cambiamenti registrati nei tassi di decadimento radioattivo. Quel che potrebbe essere la causa del fenomeno è una forza sconosciuta prima d’ora. Mentre il sole sta giungendo ad un suo massimo solare e si avvicina inesorabilmente un periodo di pericolosa intensità, mai sperimentato da persona vivente, forze strane ed incontrollabili potrebbero essere in costruzione nelle profondità della sua violenta fornace nucleare.

E’ già stato provato che la massa solare deforma il tempo,piega le onde della luce ed è responsabile della mutazione delle specie sulla Terra.Ora questa nuova forza, può essere direttamente interagente con la materia, in un modo che non solo potrebbe cambiare la comprensione della fisica da parte della umanità, ma cambiare l’umanità stessa… e non necessariamente in un modo benefico. Sia che il fenomeno avrà o meno impatto sulla umanità o se sarà il peggior impatto possibile, non c’è nulla che possiamo fare per fermarlo,ancora una volta, le forze titaniche della natura tirano su la testa per sopraffare la nostra tecnologia e noi ci troviamo come giocattoli nella mani degli dei.

Ora gli scienziati hanno scoperto che poderosi scoppi di magnetismo che emanano dalle macchie solari  vicino ai poli del sole, possono ritornare ad arco verso la Terra attraverso il campo magnetico solare.

Le eruzioni della massa coronale del sole (The sun’s coronal mass ejections CMEs) sono più che un semplice interesse scientifico. Quando queste esplosioni giganti di particelle di gas bollente, caricate elettricamente, colpiscono i satelliti, possono interrompere trasmissioni radio e tv, segnali GPS e chiamate di cellulari
Possono anche sovraccaricare le centrali elettriche al suolo e costituire un pericolo radioattivo.Un recente studio della National Academy of Sciences degli USA sui potenziali pericoli per la Terra nell’essere colpita da un forte CME,stima un danno in più di un trilione di dollari ed un tempo di riparazione fino a 10 anni.

Gli scienziati hanno speso anni nel tentativo di tracciare i CME e fornire abbastanza allerte da permettere che si prendessero precauzioni, come per esempio mettere i satelliti in modalità di sicurezza temporanea.

Un gruppo di ricerca internazionale che analizza i dati delle navicelle gemelle STEREO della NASA, che forniscono osservazioni tridimensionali,dell’attività solare, hanno fatto una importante scoperta, quando hanno notato qualcosa che era stata predetta ma mai osservata:i CME (eruzioni della massa coronale del sole ) si lanciavano nello spazio dalle alti latitudini del sole, seguendo traiettorie che li riportavano verso il piano equatoriale del sistema solare, dove risiede la Terra. Eravamo veramente sorpresi e pensavamo che qualcosa doveva essere sbagliato nei nostri algoritmi, ha detto il fisico solare Peter Gallagher, del Trinity College di Dublino.

Ma le analisi successive hanno rivelato che i tracciati della tempesta solare che fa la curva erano accurati. I CME che emergevano dalle macchie solari collocate alle latitudini di 60¢ª o maggiori, al nord e al sud, possono vedersi piegare le loro traiettorie dal campo magnetico del sole ed essere spinte all’infuori verso i pianeti dal vento solare che soffia a 500 km/sec.

Gallagher e i colleghi riportano questa settimana su Nature Communicationsche anche i campi magnetici dei CME influenzano le traiettorie. Questi campi tendono a rotare e la loro rotazione può sia rendere più acuta la curva della traiettoria o appiattirla. A seconda se il CME (eruzione della massa coronale del sole ) viaggia lentamente o più veloce del vento solare del momento. Il risultato è che, proprio come le palle con traiettoria curva di un lanciatore di un campionato importante, le rotte curve dei CME possono variare.

Queste scoperte significano che coloro che fanno le previsioni sulle condizioni climatiche nello spazio hanno bisogno di osservare con più attenzione, le eruzioni ad alta latitudine. La reazione normale, quando i CME emergono dalle regioni polari, è stato pensare ( che non ci stanno toccando ), i nuovi dati indicano invece che questo non è il caso.L’abilità di tracciare persino i CME che si incurvano nello spazio è di grande beneficio per coloro che predicono il clima nello spazio.

I ricercatori hanno “chiaramente indicato che letempeste solari lanciate inizialmente ad alte latitudini  possono avere una influenza su di noi e sulla Terra, ha detto il fisico solare William Thompson. Thompson aggiunge che sebbene gli scienziati conoscano da tempo che le tempeste solari possono cambiare direzioni mentre sono vicine al sole, “è stato sorprendente scoprire che questo può essere anche il caso ben oltre nel loro percorso.


LA NUOVA ERA

Gli scienziati hanno sempre creduto che le tempeste solari provenissero dalla corona solare e le sue eiezioni di plasma, causata dallo scontro tra onde e corona solare.Invece sembra avere origine dall’inerno secondo quanto ha affermato il professore Robert Lin,dell’università della california.

la sua dichiarazione molto significativa: “Questo significa che non sappiamo realmente come funziona il Sole”. In poche parole: l’insolito fenomeno ha polverizzato i modelli della nostra scienza.

Un’altra domanda: perchè si sta verificando un’attività così intensa e anomala. Il picco massimo di attività della nostra stella – nel suo ciclo principale di 11 anni – si è verificato nel 2000. Nel 2004 gli scienziati hanno osservato un’assenza totale di macchie, un fatto che preannuncia sempre l’avvicinarsi di un picco minimo di attività.
Questo picco minimo doveva avvenire tra il 2005 e 2006, circa 4 anni prima del nuovo massimo, previsto per l’anno 2010 o 2011, precisamente alla vigilia della data che gli antichi Maya hanno identificato come la fine dell’era che corrisponde al “Quinto Sole” e l’inizio di un altro ciclo cosmico chiamato “Sesto Sole”.
I Maya sapevano qualcosa che la nostra scienza attuale ignora? I loro testi sacri potrebbero aiutare gli scienziati, sconcertati dallo strano e inquietante comportamento dell’astro?

E soprattutto: per quale motivo quell’antica cultura ha prestato così tanta attenzione all’attivitá solare dei nostri giorni in tempi così antichi?
Secondo le loro profezie, la causa fisica scatenante sarebbe un raggio che il Sole riceverebbe proveniente dal centro della galassia e che emanerebbe un’immensa “fiammata raggiante”, trasmettendo quella radiazione alla Terra e al resto del sistema solare.

Questo evento dovrebbe precedere l’inizio di un nuovo ciclo cosmico. Secondo il loro calcolo, stanno per completarsi 5 cicli di 5.125 anni, completando una serie di 25.625 anni, un periodo che si avvicina molto a quello della “precessione degli equinozi”, conosciuto come “Anno Platonico” o “Grande Anno Egizio” e che corrisponde a un ciclo completo formato dalle 12 ere astrologiche (25.920 anni).

Secondo i Maya , ogni ciclo di 5.125 anni la Terra è stata lo scenario dell’avventura di un’Umanità –“una razza” in questo suo concetto- e si sarebbe concluso con la propria autodistruzione, susseguita da una rigenerazione portata da un successivo ciclo o “Sole”. All’inizio del quale avviene una sincronizzazione della “respirazione” di tutte le stelle, pianeti ed esseri.

L’11 agosto del 3.113 a.C. i Maya fissarono la nascita del “Quinto Sole” – l’era attuale – che si concluderebbe nel 2012. L’era dell’Acqua si sarebbe conclusa con il Diluvio, la successiva con un diluvio di fuoco e la nostra, denominata “di Movimento”, si concluderebbe con violenti terremoti, eruzioni vulcaniche e uragani devastanti.

La mitologia delle culture antiche più diverse tramanda la memoria di inondazioni catastrofiche che sono avvenute circa 12.000 anni fa e misteriose piogge di fuoco, oltre 5.000 anni fa, che ricercatori come Maurice Cotterell associano a una grande cometa che avrebbe sfiorato l’atmosfera terrestre. La predizione maya descrive anche i 20 anni che precedono il primo giorno del “Sesto Sole” piuttosto dettagliatamente. Questo ciclo minore, che loro denominavano Katum, ha già consumato due terzi della sua durata totale.
Ciò rende possibile verificare fino a che punto si sono compiute le loro profezie fino al momento attuale e, di conseguenza, valutare se le loro predizioni esatte meritano credibilità e quindi maggior considerazione.

L’ultimo Katum, che loro hanno denominato “il tempo del non tempo”, sarebbe cominciato nel 1992 del nostro calendario, in seguito ad un eclisse di sole che questa cultura aveva pronosticato l’11 luglio 1991 e che si è compiuto puntualmente. Per i Maya si tratta di un periodo di transizione, caratterizzato da profondi cambiamenti cosmici, tellurici e storici.
Nel 1996, la sonda spaziale Soho scoprì che il Sole non presentava più dei poli magnetici bensì un unico campo omogeneo. Nel 1997 si verificarono violente tempeste magnetiche nel Sole. E nel 1998, la NASA individuò l’emissione di un potente flusso di energia proveniente dal centro della galassia che nessuno ha saputo spiegare.

Inoltre bisognerebbe aggiungere altri dati riguardo l’aumento spettacolare di sismi, eruzioni vulcaniche e meteoriti violente. Se comparati questi eventi con quelli di periodi antecedenti, troviamo un incremento spettacolare in questo periodo che i Maya hanno denominato “il tempo del non tempo”.

Oltre a questa bisogna aggiungere altre conferme alle predizioni maya.

Con l’avvicinarsi del 2012 un’onda di calore farebbe aumentare la temperatura del pianeta dando origine a cambiamenti climatici, geologici e sociali senza precedenti, ad un ritmo incalzante. Siamo nel bel mezzo di questa dinamica. L’accelerato scioglimento dei ghiacciai di tutto il mondo e l’apparizione di zone verdi nell’Antartide è un fatto confermato scientificamente. Hanno predetto inoltre i mutamenti inattesi dell’attività del Sole che gli scienziati stanno costatando.

Un’altra coincidenza che chiama l’attenzione è che l’11 agosto del 1999, non solo si è verificato l’ultima eclisse totale del millennio, ma è avvenuta anche la formazione di una configurazione astrologica molto rara: la Grande Croce Cosmica, formata dai segni del Toro, Leone, Scorpione e Acquario, per il Sole, la Luna e i tre pianeti.

Questa croce ci riporta all’Apocalisse perché evoca i “quattro viventi custodi del Trono”. Il primo è descritto “somigliante ad un leone”, il secondo “somigliante ad un toro”, il terzo “con sembianze umane” (Acquario, l’acquaiolo) e il quarto somigliante ad un’aquila (Scorpione).

Ci troviamo di fronte ad una simbologia complessa che inquadra perfettamente con le profezie maya sull’inizio del “Sesto Sole”: una nuova era che, secondo la loro predizione, significa “la fine del tempo della paura” e un’Umanità rinnovata cosmicamente, che costruirà una civiltà superiore all’odierna.

Questa convergenza di aspettative, indipendenti l’una dell’altra, che avvallano le profezie Maya è un’altra realtà da tenere in considerazione.
Potrebbe questo salto vibrazionale dell’universo, trasmesso dall’Universo al Sole e da quest’ultimo alla Terra, alimentare “la grande trasformazione” che, secondo i Maya, raggiungerà il nostro pianeta definitivamente il sabato 23 dicembre del 2012?

In qualunque caso, tutte queste profezie sono molto eloquenti per quanto riguarda il suddetto salto qualitativo nell’evoluzione della coscienza.
Il cambio cosmico crea le condizioni, ma il mutamento interiore può solo essere frutto di una decisione libera e di un lavoro interiore individuale.
In questo tempo finale del calendario Maya il Cielo ci mette di fronte ad un bivio: autodistruzione o trasformazione. Ci troviamo per tanto in una specie di “terra di nessuno”: una fase definitiva che non appartiene più alla vecchia era, ma che non appartiene nemmeno all’alba della nuova era che avverrà fra sette anni, quando si aprirà “la porta” cosmica di un tempo rinnovato.

Tuttavia, ci sembra evidente che i fatti corroborano le profezie maya al punto da prenderle sul serio e studiarle senza pregiudizi alla luce delle nostre conoscenze attuali del mondo.