Qualcosa non torna Parte 5

L idea che ogni avvenimento ed ogni singola persona siano collegati alla nostra vita, può sembrare difficilmente accettabile, poiché la maggioranza delle persone rimanere legata al concetto o all’idea di casualità. Molto di rado si prende in considerazione la possibilità che ogni evento nel nostro Universo funzioni in modo perfetto e non casuale, come il sistema menzognero in cui viviamo vuole farci credere. Abbracciare questa nuova visione del mondo significa essere pronti a rinunciare alle nostre convinzioni più radicate.

Ci sono persone che durante il cammino della vita, vengono spinte a ricercare qualcosa di diverso, percepiscono che qualcosa non va nel mondo, che c’è di più, che la realtà così come la conosciamo non è tutto ciò che esiste come ci hanno insegnato.

Se leggi questo articolo non è un caso, ma è il frutto di quel pensiero, di quelle domande che da tempo ti stai ponendo e della sincronicità di eventi che hai iniziato ad innescare, poiché nel momento stesso in cui lottiamo per mantenere un senso di autonomia personale, siamo anche trascinati da forze vitali molto più grandi di noi, così che pur essendo i protagonisti della nostra vita, siamo come comparse, soldati sullo sfondo di un qualcosa di più grande.

Franco Andres

——————————————

In questo articolo parlero di aspetti importanti, con particolare attenzione su argomenti poco conosciuti, o conosciuti male e molto controversi, con prove il più tangibili possibile, che anche tu puoi verificare, spetterà poi a te come singola persona, trovare la tua strada, la verità, e trarre le tua personale conclusione, come ognuno di noi dovrebbe fare in relazioni a questi argomenti.

Le fonti sono alternative, mettono in luce aspetti che cercano di spiegare il motivo per cui l’essere umano ora si trova in uno stato di incoscienza e schiavitù, argomenti taciuti alla massa, che andrebbero divulgati e vanno compresi alla luce di fatti accaduti negli ultimi decenni, mentre altri ne accadranno negli anni a venire.

Lo studio della storia umana su questo pianeta è molto controversa, andrebbe rivista totalmente, la cronologia ufficiale, come visto nel Primo articolo di questa serie, ha molte lacune di fondo e non sta in piedi, la civiltà umana è molto più antica e complessa di quanto si è creduto o voluto far credere fino ad oggi. Lo sviluppo improvviso di un certo livello tecnologico, le conoscenze astronomiche dei popoli antichi, non combaciano affatto con le teoria e le tesi ufficiali, che vedono queste civiltà come primitive, e tesi alternative vengono messe costantemente sotto silenzio dallo status quo.

Prove, come le piramidi scoperte sotto l’oceano Atlantico vicino alle Bermuda e altre strutture antiche, confermano la tesi di antiche civiltà molto avanzate, le incredibili foto fatte dalle sonde spaziali sulla superficie di Marte. L’obiettivo finale è quello di mettere in luce fatti che vengono taciuti e tenuti sotto silenzio, omessi alla massa che fanno riflettere e che il sistema cerca in tutti i modi di nascondere, spesso anche in belle vista.

In la Dottrina Segreta, Secondo la Teosofa Blavatscky, vissuta tra la fine dell’ottocento e il novecento, alcuni rotoli che attestano il tipo di Religione universalmente e diffusa nel mondo antico, si troverebbero attualmente in luoghi segreti, nelle biblioteche appartenenti a Fratellanze Occulte.

Quest’affermazione diventa verosimile se si considerano i vari fatti e avvenimenti storici accaduti negli ultimi anni e la tradizione vuole che migliaia di antiche pergamene siano state salvate dalla distruzione della Biblioteca di Alessandria, custodite nei sotterranei delle biblioteche Vaticane.

Ci sono anche migliaia di opere sanscrite, scomparse in India durante il regno di Akbar, commentari composti da diversi migliaia di volumi, da lungo tempo nascosti alla massa da più fratellanze occulte.

La scomparsa della vasta letteratura sacra ed occulta di Babilonia, la chiave che poteva risolvere le migliaia di enigmi degli annali geroglifici egiziani, (anche per capire e rendere comprensibili i Veda indiani), accessibili solo ad alcuni gruppi, e nascosti alle masse.

——————-

Anunnaki - Giant - Footprint 200 Million-Year-Old South Africa

Orma gigante datata qualche milione di anni, scoperta in Sud Africa, forse appartenente ad un antico lemuriano.

                            

Fra i buddhisti (uno dei popoli più illuminati e saggi attualmente, secondo la mia opinione, insieme ai Tibetani) esiste un’identica credenza per quanto concerne i loro libri, affermando che questi sono al sicuro dalle mani dei saccheggiatori occidentali, e riappariranno in un’epoca più illuminata.

La scienza segreta, sarebbe rimasta celata allo sguardo dell’uomo per epoche incalcolabili, questo perché affidare ad una moltitudine impreparata i segreti di una così tremenda importanza, sarebbe stato come dare ad un bimbo una candela accesa in una polveriera.

La necessità di nascondere alla folla segreti simili a quello del Vril, “forza capace di distruggere le rocce”,  la rivelazione ad esempio, dell’evoluzione delle catene planetarie ecc…Tutto questo viene nascosto all’uomo occidentale moderno, (poiché la natura dell’universo è saggezza), l’umanità è governata da personaggi biechi e avidi, e non è ancora pronta a ricevere tali insegnamenti. Pensiamo solo al cattivo uso che ha fatto l’essere umano con l’energia nucleare, figuriamoci con forze ed energie più potenti cosa potrebbe combinare stupido com’è.

Dottrine come quella della Catena Planetaria o delle sette razze, danno immediatamente la chiave della natura settenaria dell’uomo, ogni principio è in correlazione con un piano, con un pianeta e con una razza, ed i principi umani sono su ogni piano, partendo dai piani invisibili, in correlazione con le forze settenarie, anche occulte, (da cui i governi del mondo attingono), per controllare le masse, ma ormai abbandonati anche da questi ultimi, (dai loro arconti o controllori), poiché nel raggiungere il peggio, l’uomo ha superato anche essi.

Al timone del sistema ormai non c’è più nessuno, per questo motivo ognuno di noi, ora più che mai è artefice del proprio destino.

——————–

La cima della piramide del potere occulto, è stata abbandonata da quei piani superiori che posseggono un potere tremendo, l’uso e l’abuso di certe forze ed energie a certi livelli, da parte dei nostri governanti, ha causato e sta causando mali incalcolabili all’umanità.

Questa chiave non è comprensibile alla generazione attuale e più in particolare agli occidentali, a causa della loro cecità, e dall’ignoranza materialistica, dall’incredulità per l’invisibile, ma avrebbe avuto sicuramente un valore reale e concreto nei primi secoli dell’era cristiana, come ne avrà in un prossimo futuro.

Queste sono verità molto antiche, rivelate ripetutamente dai grandi Adepti, maestri e iniziati, come anche da Gesù Cristo, il piu grande di tutti, poi da Pitagora, Platone, fino ai neo-platonici.

Una volta che l’umanità verrà a conoscenza della vera storia del mondo, cioe che il tempo è ciclico e la storia si ripete, come la circonferenza di un cerchio, una più solida base di vera conoscenza potrà essere stabilita su questo pianeta e questo porterà a grandi scoperte in molti settori dell’attività umana, ma soprattutto porterà ad una vera fratellanza mondiale Universale, con l arrivo dei fratelli superiori, dove non ci saranno più confini, ne geografici, ne culturali, così che la corretta conoscenza della storia, del tempo e dei cicli, verrà applicata a tutte le scienze e il mistero dell’origine dell’uomo e dell’anima umana sarà svelato, questa è la promessa che porta la nuova ‘Era dell’ Acquario, ma prima di ciò, dovremo passare attraverso cambiamenti, che non saranno indolore, poiché per edificare un nuovo edificio, prima bisogna demolire quello vecchio!

Da adesso in poi ti invito ad riflettere sulle informazioni che ti descriverò, ho cercato di vagliare le informazioni più importante e tutto coincide.

Tale conclusione è personale, basata su esperienze mie personali, per questo ti invito a mettere insieme i tasselli, fare le tue ricerche, e fatti una tua personale opinione.

 

                                      Le Anomalie di Marte

Tutti sappiamo che sul pianeta Marte (il quarto pianeta del nostro sistema solare) sono stati trovati immensi canion, vallate, che fanno supporre, anzi direi che danno la certezza quasi assoluta del fatto che il pianeta rosso molto tempo fa, fosse ricoperto da fiumi e avesse buona parte della sua superficie ricoperta da acqua allo stato liquido. Ma la sorpresa più incredibile è che l’acqua corrente esiste tutt’ora sul pianeta rosso, ci sono laghi lunghi e larghi kilometri, le foto lo dimostrano, le calotte polari di Marte si stanno sciogliendo, come sulla Terra, ma non a causa dell’effetto serra come vuole fare credere la scienza ufficiale.

L’acqua è tutt’ora presente anche sotto forma di permafrost in vaste aree del pianeta come in forma liquida in alcune aree, come il polo sud. 

 

MARTE

                                           Foto di un lago di Marte, Esa.

Non solo ci sono laghi larghi Kilometri, ma ci sono foreste e vegetazione, vedi le foto:

M3M2

In base alla fotometria dei pixel della sonda che ha scattato queste foto sopra, “le foto che vedi, sono foto Ufficiali della Nasa” del Polo sud Marziano, (ce ne sono molte altre, basta fare una ricerca in rete, anche sul sito ufficiale Nasa), scattate dalle sonde come la Marte survayor, le foreste fotografate sono larghe kilometri, lo stesso vale per i laghi. L’immagine di questo pianeta che ci hanno sempre proposto come essere arido e morto senza tracce di vita sulla sua superficie, non è affatto vera! Queste foto si trovano sul sito ufficiale della Nasa, ne sono state scattate circa 240.000, in dieci anni di missioni spaziali.

La Nasa non le occulta, (almeno quelle più eclatanti) perché essendo un ente pubblico, pagato dai contribuenti, è obbligato ad inserirle sul sito ufficiale, quindi le mette disponibili sul sito, le nasconde in bella vista, questo perché nessuna fonte mediatica ne parla, e quindi nessuno o pochi sanno che ci sono! Poche persone si prendono la briga di verificare, le nascondono in bella vista, tattica molto furba, non ce che dire.

Quando una delle prime sonde come il Mariner 9 entrò in orbita intorno a Marte nel 1971 osservando l’intera superficie, scattò delle foto che mostrarono un pianeta ancora vivente, con attività geologica, vulcanica, pianure montagne, canyon molto più grandi del gran canyon sulla Terra, con evidenti segni lasciati dall’acqua.

Successivamente la ricerca di forme di vita fu lo scopo principale delle missioni successive con il vikyng 1 e il viking 2, lanciate da Cape Canaveral nel 1975, raggiungendo Marte nel 1976.

Sul pianeta rosso, vennero fatti scendere dei lander che inviarono una serie di foto incredibili ed emozionanti di Marte, ripreso a distanza ravvicinata, e condussero una serie di esperimenti alla ricerca della vita.

Ad infittire il mistero di Marte furono le prime foto scattate, nel 1976 dalle sonde viking, come anche nelle missioni successive.

m4                                            Foto scattatta dal Viking

Le foto della superficie di Marte hanno rivelato strutture che hanno lasciato sbigottiti e perplessi gli astronomi, molte delle strutture su Marte, forse si posso attribuire a fenomeni naturali, ma molte altre anche all’operato di esseri intelligenti, queste vennero notate per la prima volta nelle foto del Marine 9 e successivamente fotografate dal viking.

m5       Foto di Marte scattata il 25 luglio 1976 dall’orbiter Viking 1

Nelle foto sopra si possono notare i tratti di un volto umano ben proporzionato, sembra quasi di un uomo che indossa una specie di elemento o copricapo, con la bocca leggermente aperta, con gli occhi che fissano chi lo guarda sopra i cieli di Marte. I ricercatori che hanno esaminato accuratamente le fotografie hanno individuato anche delle strutture a forma piramidale nelle vicinanze del volto, sempre nella zona di Marte denominata Cydonia.

marte02g images1cydonia2

Come glia altri monumenti o strutture trovate su Marte questo volto è di dimensioni gigantesche. Il volto misura almeno 1.600 metri dalla cima della testa al mento e dall’ombra che proietta sulla superficie di Marte, sembra che sia alta almeno 800 metri.

Uno degli scienziati che analizzò queste foto, quasi cadde dalla sedia e mormorò, Mio Dio!

 m6

La foto venne archiviata in fretta insieme alle altre migliaia di foto scattate dalla sonda Viking, senza essere sottoposta ad un esame più attento, almeno non ufficialmente. Le sembianze del volto umano furono attribuite, “sempre ufficialmente”, ad un gioco di luci e di ombre, sopra una roccia erosa da forze naturali, come acqua e vento, il volto di Cydonia non è proprio li per caso, come vedremo più avanti.

La Nasa ha riconosciuto che le sue affermazioni fatte inizialmente, su queste foto, non erano vere, erano state fatte solo per fuorviare l’attenzione sulla questione, poiché alcune ore dopo, la stessa sonda passò di nuovo nella stessa zona, scattando altre foto, e mostravano chiaramente la stessa faccia.

Ulteriore missioni hanno prodotto altre foto dell’area di Cydonia, ripresa da diverse fotocamere del Viking, si scorgeva benissimo la faccia, più alcune strutture enigmatiche che sembrano avere forma piramidale. Le nuove missioni marziane hanno fotografato nuovamente la zona, la Nasa questa volta ha affermato, che si tratterebbe di interessanti strutture geologiche, ma di origine naturale.

Ci sono forti dubbi su questa affermazione, se osservate la foto sotto, c’è una differenza molto netta e sospetta, per il semplice fatto che, la prima foto scattata dal Viking nel 1976 è molto più nitida e di qualità superiore, rispetto a quella scattata da themis nel 2005.

m7

Questo non lascia molti dubbi sul fatto che sia in atto un piano di cover-up, la Nasa è peggio di Pinocchio, volendo screditare le immagini del Viking, con l’ausilio della computer grafica moderna, l’agenzia spaziale Americana, ha appiattito e deformato la struttura della foto, per renderla verosimilmente di tipo naturale, “il che è abbastanza evidente”.

La prima foto scattata dalle sonde negli anni settanta è molto più netta e definita, in sostanza non sembra la stessa faccia, e poi come è possibile, che la tecnica fotografica sia peggiore di quella di 30 anni prima!

Ma ora arriva il bello! Secondo la traduzione delle tavolette Sumere fatta da Sitchin, il volto di Cydonia, racconterebbe la storia degli Anunnaki, sin dal loro primo sbarco sulla Terra. Sitchin, trascrivendo il testo delle tavolette dell’Atra Hasis, menziona proprio una grande montagna rocciosa su Marte, che fu scolpita con i raggi, per ricordare “l’immagine di Alalu” monarca di Nibiru, famoso pianeta negli Anunnaki, (piu avanti capiremo meglio cosa è in dettaglio Nibiru), deposto dai suoi sudditi e morto in esilio proprio sul Pianeta Rosso, che coincidenza vero?

Ci sono anche altre foto del paesaggio di Marte che lasciano sbalorditi, non sono mai stato su Marte, ma ho abbastanza intuito per capire come stanno le cose e credo anche tu.

Il mio consiglio è di leggere il “disclosure project” (si può trovare liberamente in internet, in Italiano, un dossier interessantissimo di 490 pagine), di Steven Greer, che ha dato conferma alle mie idee in merito a questi importantissimi temi su Marte.

Questa serie di foto, aprirà gli occhi e la mente a chi si è appena addentrato nell’argomento. Quello che dovrebbe essere comunque l’obiettivo, è quello di fare un proprio percorso personale, su questo argomento, anche perché nessuno può farlo per noi.

Da parte mia posso solo trasmettere le informazioni che ho disponibili al momento. Alla Nasa c’e sempre stata una volontà ben precisa di coprire argomenti scomodi e controversi come questo.

La Nasa è riuscita ad affermare (per evitare che venissero analizzate) che le famose immagini originali dello sbarco sulla luna nel luglio del 1969 sono andate perdute!

Si ipotizza che lo sbarco sulla luna, non sia mai avvenuto,  in realtà probabilmente è avvenuto, ma il dibattito sul fatto se c’è stato o non c’è stato l’allunaggio è solo uno specchietto per le allodole, e distrae l’attenzione su un’altro fatto, e cioè: Cosa hanno trovato lassù, tanto da spaventare gli astronauti da farsela letteralmente sotto? Lo vedremo più avanti.

—————–

Continua….

——————

Articoli Precedenti

Qualcosa non torna Parte Prima

Qualcosa non torna Parte Seconda

Qualcosa non torna Parte Terza

Qualcosa non torna Parte Quarta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: